Otite catarrale bimba 3 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/07/2014 Aggiornato il 13/02/2015

La mia bimba di 3 anni l’altra sera lamentava un po’ di dolore a un orecchio, peraltro passato dopo somministrazione di paracetamolo. La mattina seguente ho trovato una minima secrezione giallina... Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: emi
Buongiorno e grazie in anticipo per la risposta.
La mia bimba di 3 anni l’altra sera lamentava un po’ di dolore a un
orecchio, peraltro passato dopo somministrazione di paracetamolo. La mattina
seguente ho trovato una minima secrezione giallina sul cuscino dove aveva
dormito; si lamentava meno della sera precedente, ma aveva qualche linea di
febbre.
La mattina stessa l’ho fatta visitare e la pediatra ha rilevato un’otite
catarrale (membrana opacata, con presenza, seppur minima, di fluidi nel
condotto esterno dell’orecchio) e ha prescritto antibiotico per 8 giorni.
La domanda è se è sempre necessario l’antibiotico per l’otite
catarrale: la perplessità mi sorge perché episodi pregressi simili a
questo (stessi sintomi, compreso il cuscino lievemente sporcato) si sono
risolti spontaneamente nel giro una/due giornate. Ho rischiato non avendo
somministrato antibiotico?
Per sintetizzare: dovesse capitare di nuovo la stessa sintomatologia dovrei
far sempre visitare la bimba o potrei aspettare 2 o 3 giorni
somministrando antinfiammatori? Se si dovesse in questo modo risolvere
spontaneamente, potrei stare tranquilla?

Buongiorno. Quando insorge male all’orecchio è sempre utile far visitare la piccola. In particolare se compaiono fuoriuscita di materiale dall’orecchio, febbre, gonfiore o rossore auricolare…spesso l’antibiotico è necessario (però sempre solo su prescrizione medica). Mi permetto comunque di consigliare un controllo otorinolaringoiatrico se soffre di otiti ricorrenti, semplicemente per escludere un’ipertrofia delle adenoidi. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti