Otite catarrale bimba 3 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/07/2014 Aggiornato il 13/02/2015

La mia bimba di 3 anni l’altra sera lamentava un po’ di dolore a un orecchio, peraltro passato dopo somministrazione di paracetamolo. La mattina seguente ho trovato una minima secrezione giallina... Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: emi
Buongiorno e grazie in anticipo per la risposta.
La mia bimba di 3 anni l’altra sera lamentava un po’ di dolore a un
orecchio, peraltro passato dopo somministrazione di paracetamolo. La mattina
seguente ho trovato una minima secrezione giallina sul cuscino dove aveva
dormito; si lamentava meno della sera precedente, ma aveva qualche linea di
febbre.
La mattina stessa l’ho fatta visitare e la pediatra ha rilevato un’otite
catarrale (membrana opacata, con presenza, seppur minima, di fluidi nel
condotto esterno dell’orecchio) e ha prescritto antibiotico per 8 giorni.
La domanda è se è sempre necessario l’antibiotico per l’otite
catarrale: la perplessità mi sorge perché episodi pregressi simili a
questo (stessi sintomi, compreso il cuscino lievemente sporcato) si sono
risolti spontaneamente nel giro una/due giornate. Ho rischiato non avendo
somministrato antibiotico?
Per sintetizzare: dovesse capitare di nuovo la stessa sintomatologia dovrei
far sempre visitare la bimba o potrei aspettare 2 o 3 giorni
somministrando antinfiammatori? Se si dovesse in questo modo risolvere
spontaneamente, potrei stare tranquilla?

Buongiorno. Quando insorge male all’orecchio è sempre utile far visitare la piccola. In particolare se compaiono fuoriuscita di materiale dall’orecchio, febbre, gonfiore o rossore auricolare…spesso l’antibiotico è necessario (però sempre solo su prescrizione medica). Mi permetto comunque di consigliare un controllo otorinolaringoiatrico se soffre di otiti ricorrenti, semplicemente per escludere un’ipertrofia delle adenoidi. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti