patty974

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/01/2013 Aggiornato il 18/01/2013

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: patty974
Buongiorno, sono mamma di un bimbo di 3 anni e ho una curiosità. Il mio pediatra valutando il pene del bimbo ha notato che scopre poco la parte superiore ma mi ha consigliato di non fare manovre ulteriori. Un mese fa ho portato
il piccolo da una pediatra privata e dopo una visita completa mi ha detto di fare le manovre ogni volta che fa il bagno e per un mese di mettere una crema (Advantan) mentre faccio la manovra… Come mi devo comportare? Grazie per
l'attenzione, cordiali saluti

La manovra non va fatta mai fino ai 3 anni e va eseguita solo nella vasca quando la pelle del bambino è più morbida dall'ammollo prolungato. Sulla punta io faccio mettere vaselina non Advantan che contiene cortisone.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Allatto mio figlio di due anni e sono incinta: posso usare il progesterone?

01/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego di progesterone a sostegno di una nuova gravidanza è consentito durante l'allattamento, soprattutto se il bambino nutrito al seno è già svezzato.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti