rigonfiamento sotto ascella

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2013 Aggiornato il 09/09/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: simo_gabri_fabio
Salve. Mia figlia di 3 anni e mezzo ha un rigonfiamento sotto l'ascella. L'ho portata dalla pediatra che mi ha detto che non è nulla e che dipende dal fatto che la bambina si è solo grattata (mia figlia soffre di dermatite da quando è nata
e si gratta spesso). Ora è passato un mese circa e il rigonfiamento è sempre lì. È possibile che le sia venuto solo perchè si è grattata? Potrebbe essere qualcos'altro? Dovrei portarla al Pronto soccorso? Grazie

Buongiorno. Immagino che quella che descrive sia una tumefazione sotto l'ascella, probabilmente un linfonodo infiammato. In caso affermativo, le consiglio di far controllare la piccola, magari anche con esami del sangue ed ecografia per capirne la causa. Cordiali saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti