Rischio contagio sala attesa pediatra

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/01/2014 Aggiornato il 31/08/2015

Oggi ho portato mio figlio di 17 mesi dal pediatra per farlo visitare dopo un lungo periodo di tosse, che comunque ora è passata. La sala d'aspetto era piena di bimbi influenzati con tosse e raffreddore e noi siamo rimasti circa mezz'ora...Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: gioiastefano09
Salve dottoressa, oggi ho portato mio figlio di 17 mesi dal pediatra per farlo visitare dopo un lungo periodo di tosse, che comunque ora è passata. La sala d’aspetto era piena di bimbi influenzati con tosse e raffreddore e noi siamo rimasti circa mezz’ora. La mia domanda è: c’è una possibilità remota che si sia preso ancora qualche altro virus? Grazie infinite.

Qualsiasi contatto con persone con patologie in corso possono potenzialmente essere fonte di contagio. Non è comunque matematico infettarsi, dipende dalla vicinanza, dal tipo di forme e dal proprio stato immunitario.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti