rosanera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/06/2012 Aggiornato il 14/06/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: rosanera
Ho letto l'articolo sull'esposizione dei piccoli al sole. La mia bimba di
quasi un anno è nella fase gattonamento e non sta ferma un attimo
(giustamente credo). Sto pensando di portarla al mare, ma mi chiedo: se non
posso esporla al sole e non vorrà stare di certo sotto l'ombrellone a
giocare buona buona, come faccio a portarla in spiaggia? La maglietta e il
cappellino bastano a proteggere la pelle?
grazie mille

Non esporre al sole significa: al mare protezione solare totale, cappellino, maglietta nelle ore 8-11 e dopo le 16. Invece, tra le 11 e le 16 nessuna esposizione al sole.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti