scheggia [uid:1400]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/09/2012 Aggiornato il 05/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: scheggia
Buongiorno, è da cinque giorni che il mio bimbo ha tosse con catarro e un leggero fischio. Siamo andati in ospedale perché sia il pediatra sia il sostituto erano in ferie e ci hanno detto di fare per 5 giorni aereosol con clenil e acqua fisiologica, ma ha ancora una tosse leggera… Che cosa si può fare?

Gentile mamma, prima di somministrare farmaci il bambino va visitato: non posso consigliare farmaci via mail. Se "fischia" va escluso broncospasmo. Se il suo pediatra è in ferie avrà lasciato un sostituto (non può essere in ferie anche il sostituto) perché la continuità assistenziale va mantenuta. Se continuano la tosse e il "fischio", nonostante l'aerosol come descritto, il bambino va di nuovo visitato perché l'aerosol potrebbe non essere una terapia sufficiente. Questo è il mio consiglio. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti