scrosci articolari

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 24/10/2013 Aggiornato il 01/08/2018

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: ladymamma
Grazie mille per avermi risposto; quindi lei cosaa mi consiglia di fare nel frattempo? Una ecografia? Un po' di fisioterapia ooppure portarlo a nuoto? O semplicememte aspettare un miglioramento?
Secondo la pediatra di base tutto ciò è dovuto al fatto che ha iniziato da poco a camminare e che non coordina bene i movimenti, ma non so se può essere un motivo valido. Grazie mille ancora

Gentile signora,
non procederei per ora ad alcuna indagine, il bambino è ben seguito dalla sua pediatra di base, che se riterrà opportuno chiederà la consulenza di un ortopedico.
Per quanto concerne un'attività motoria per il bambino, non esistono, sulla scorta di quanto riferisce, controindicazioni assolute.
Cordiali saluti
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti