Sonno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/04/2012 Aggiornato il 01/04/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: LaRaffa
ciao, ho una bambina di 2 anni che la sera fa fatica ad
addormentarsi, sembra nervosa …

Buongiorno signora,
1/3 dei bambini sotto i due anni soffrono di insonnia con difficoltà ad addormentarsi e/o risvegli notturni frequenti. E' opportuno parlarne con il Pediatra che segue la bambina tanto da poter escludere tutte le cause organiche o psicologiche che potrebbero essere responsabili dell'insonnia (otite media catarrale, ipertrofia adenoidea, infezioni delle vie urinarie, allergie e intolleranze alimentari, stress come ospedalizzazione o cambiamenti nella vita come trasloco, nascita di un fratellino, eruzione dentaria se durata breve, patologie cerebrali, ipertensione arteriosa, uso di farmaci per la cura dell'asma o alcuni antibiotici o barbiturici, ect).
Escluso quanto detto, le consiglio di:
-tenere un diario delle ore di sonno del bambino giornaliero, cercare di rispettare orari regolari
-il pisolino del pomeriggio deve essere fatto prima delle 15:00
-e' importante un rituale prima di addormentarsi che non deve superare i trenta minuti, non deve prevedere attività eccitanti, favorire invece tecniche di rilassamento
-parlare sempre degli avvenimenti della giornata sopratutto quelli negativi per farla addormentare serena
-la stanza della bambina non deve essere esposta a rumori, fonti di luce e fumo di sigarette.
Inoltre il ruolo della melatonina e' fondamentale. Alcuni bambini in tenerissima eta' potrebbero avere un ritmo di produzione dell'ormone non pienamente regolare e quindi un ritmo sonno-veglia ancora irregolare.
Rimango, se vorrà, a Sua disposizione per gli approfondimenti del caso con qualche elemento in più.
Grazie per l'interessante domanda.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti