Sonno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/04/2012 Aggiornato il 01/04/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: LaRaffa
ciao, ho una bambina di 2 anni che la sera fa fatica ad
addormentarsi, sembra nervosa …

Buongiorno signora,
1/3 dei bambini sotto i due anni soffrono di insonnia con difficoltà ad addormentarsi e/o risvegli notturni frequenti. E' opportuno parlarne con il Pediatra che segue la bambina tanto da poter escludere tutte le cause organiche o psicologiche che potrebbero essere responsabili dell'insonnia (otite media catarrale, ipertrofia adenoidea, infezioni delle vie urinarie, allergie e intolleranze alimentari, stress come ospedalizzazione o cambiamenti nella vita come trasloco, nascita di un fratellino, eruzione dentaria se durata breve, patologie cerebrali, ipertensione arteriosa, uso di farmaci per la cura dell'asma o alcuni antibiotici o barbiturici, ect).
Escluso quanto detto, le consiglio di:
-tenere un diario delle ore di sonno del bambino giornaliero, cercare di rispettare orari regolari
-il pisolino del pomeriggio deve essere fatto prima delle 15:00
-e' importante un rituale prima di addormentarsi che non deve superare i trenta minuti, non deve prevedere attività eccitanti, favorire invece tecniche di rilassamento
-parlare sempre degli avvenimenti della giornata sopratutto quelli negativi per farla addormentare serena
-la stanza della bambina non deve essere esposta a rumori, fonti di luce e fumo di sigarette.
Inoltre il ruolo della melatonina e' fondamentale. Alcuni bambini in tenerissima eta' potrebbero avere un ritmo di produzione dell'ormone non pienamente regolare e quindi un ritmo sonno-veglia ancora irregolare.
Rimango, se vorrà, a Sua disposizione per gli approfondimenti del caso con qualche elemento in più.
Grazie per l'interessante domanda.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti