susanna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/07/2012 Aggiornato il 27/07/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: susanna
Buongiorno, sono mamma da quattro mesi, la mia bimba è
nata il 18/03/2012 e a meno di un mese è stata ricoverata per 12 giorni per
una bronchiolite, adesso a distanza di tre mesi dall'evento, lei ancora
respira male con il nasino… Nonostante i frequenti lavaggini con acqua
fisiologica e spesso la porto al mare per respirare un po' di iodio… Può
essere che il problema non sia piu' il muco ma qualcos'altro? La mia pediatra
mi dice di usare l'aspiramuco, ma non riesco a aspirare niente dal nasino…
La piccola cresce bene perché a 4 mesi misura 65 cm e pesa 7 kg, ma vorrei
andare a fondo con questo problema… Vorrei consultare un otorino… Lei che cosa mi
consiglia?

Un bimbo che ha la bronchiolite nel primo anno di vita presenterà sempre muco e facilità alle infezioni respiratorie più dei suoi coetanei non c'entra lo iodio del mare signora faccia solo sempre dei gran lavaggi nasali con soluzione fisiologica

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti