susanna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/07/2012 Aggiornato il 27/07/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: susanna
Buongiorno, sono mamma da quattro mesi, la mia bimba è
nata il 18/03/2012 e a meno di un mese è stata ricoverata per 12 giorni per
una bronchiolite, adesso a distanza di tre mesi dall'evento, lei ancora
respira male con il nasino… Nonostante i frequenti lavaggini con acqua
fisiologica e spesso la porto al mare per respirare un po' di iodio… Può
essere che il problema non sia piu' il muco ma qualcos'altro? La mia pediatra
mi dice di usare l'aspiramuco, ma non riesco a aspirare niente dal nasino…
La piccola cresce bene perché a 4 mesi misura 65 cm e pesa 7 kg, ma vorrei
andare a fondo con questo problema… Vorrei consultare un otorino… Lei che cosa mi
consiglia?

Un bimbo che ha la bronchiolite nel primo anno di vita presenterà sempre muco e facilità alle infezioni respiratorie più dei suoi coetanei non c'entra lo iodio del mare signora faccia solo sempre dei gran lavaggi nasali con soluzione fisiologica

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti