vale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/01/2013 Aggiornato il 29/01/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: vale80
Buonasera dottoressa, avrei una domanda da farle: mio figlio di quasi 7 anni è risultato allergico agli acari maggiori e quest'anno, oltre a essi, è risultato allergico anche al pelo del gatto (a cui l'anno scorso non era allergico), cosa che tra l'altro mi ha lasciato stupita perché noi il gatto lo abbiamo da ben 5 anni. L'allergologo comunque mi ha detto che "il problema principale di mio figlio sono e saranno sempre gli acari, e che è sufficiente che il gatto non salga sul suo letto". Alla mia domanda se potevamo prendere un cane (di taglia piccola e a pelo raso) mi ha risposto di sì, senza alcun problema! Lei concorda? Poi, l'allergologo mi ha prescritto il Ventolin, il Bentelan e il Formistin per trattare al bisogno la sua asma episodica. Poiché l'ultimo episodio d'asma non passava, l'ho portato da un pediatra privato che gli ha prescritto il Nasonex e il Fluispiral per un mese la sera, e il Singulair per 2 mesi. Ora mio figlio dorme a bocca chiusa, non russa più e non ha avuto più l'asma. Per quanto tempo può continuare la cura visti i risultati? E quando sarà sospesa inizierà tutto da capo?

Per quanto riguarda il cane non ci sono contrindicazioni, anche se aumentare l'esposizione ad allergeni potrebbe aumentare il rischio di sensibilizzazione. Per la durata della cura le consiglio di proseguire il follow up allergologico: in genere non dovrebbero esserci peggioramenti, proprio per il ruolo preventivo di tali cure. Cordiali saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti