Vaccino anti-influenzale a un anno di età: sì o no?

Professore Alberto Villani A cura di Professore Alberto Villani Pubblicato il 03/11/2017 Aggiornato il 31/07/2018

Proteggere i bimbi di un anno dall'influenza, grazie alla vaccinazione, è più che opportuno, perché la cosa migliore è che non si ammalino.

Una domanda di: Barbara (mamma di Mattia)
Gentile professore,
secondo lei è giusto vaccinare un bambino di un anno contro l’influenza? O è meglio aspettare e sperare che non la prenda? Si sa qualcosa di come sarà l’influenza 2017-2018? So che è bene vaccinare quando si prospetta l’arrivo di un virus particolarmente cattivo …. La ringrazio, tengo molto in conto il suo parere.

Alberto Villani
Alberto Villani

Gentile Signora,
negli USA tutti i bambini di età superiore ai 6 mesi di età devono essere vaccinati contro l’influenza. Fino all’età di 8 anni, il primo anno in cui si decide di vaccinare dovranno essere fatte 2 dosi di vaccino a distanza di almeno un mese una dall’altra. Sopra i 9 anni sarà sufficiente una sola somministrazione. Vaccinando suo figlio lo proteggerà dall’influenza. In particolare se il piccolo frequenta il nido, sarà opportuno vaccinarlo. Quest’anno l’influenza non si preannuncia particolarmente aggressiva, ma è sempre meglio vaccinarsi ed evitare di ammalarsi.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti