Peduncolo nella zona del perineo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/02/2018 Aggiornato il 28/02/2018

Una piccola escrescenza nella zona del perineo presente alla nascita potrebbe essere conseguenza di una piccolissima ferita riportata dal bambino durante la vita intrauterina.

Una domanda di: Luisa
La mia bimba di due mesi è nata con una piccola escrescenza (sembra un accumulo di carne di forma leggermente allungata) nella zona del perineo.
Lei non sembra avvertire fastidi: questa escrescenza non ha variato le dimensioni, non sembra abbia dolore nel defecare, non è arrossata e al momento non presenta nessuna puntina che lasci pensare che possa contenere materia.
La pediatra mi ha consigliato di farla vedere ad un chirurgo pediatrico e ha ipotizzato, solo osservandola, che possa essere una fistola anale.
Lei cosa ne pensa?
Sono preoccupata al pensiero di un intervento.
Il posto è molto delicato.
In ogni caso,anche fosse solo una conformazione fisica, va tolta perché potrebbe dare fastidio in futuro?
La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Cara mamma, non è facile porre una diagnosi basandosi solo su una descrizione, senza poter vedere la lesione. Comunque sia, la prima cosa da controllare è che la bambina evacui regolarmente solo dall’ano e che genitali esterni e ano siano nella giusta posizione. Bisogna poi essere sicuri che questa escrescenza fosse presente già alla nascita e non sia, invece, subentrata dopo: al riguardo controlli se è segnalata sul libretto di salute compilato dal neonatologo che le hanno consegnato quando, dopo il parto, siete state dimesse dall’ospedale. In ogni caso, le ipotesi sono davvero numerose: potrebbe anche essere una minuscola cicatrice di una piccola ferita riportata in utero oppure espressione di una piccola malformazione vascolare (dei vasi). Potrebbe infine essere una lesione cicatriziale dovuta a ragadi (raro ma possibile). Di più non riesco a dirle, non potendo visitare la bambina. Tenga comunque controllata la zona e se la lesione dovesse subire qualche modificazione o se avesse l’impressione che la sua presenza all’improvviso fosse fonte di fastidio o disagio per la bambina si metta in contatto con la pediatra. Mi tenga aggiornata. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti