Pene curvo in un bimbo di sette anni: che fare?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 25/09/2018 Aggiornato il 25/09/2018

Se dopo la recisione del frenulo l'incurvatura del pene non si risolve, diventa opportuno sottoporre il bambino a un intervento chirurgico di correzione.

Una domanda di: Simona
Mio figlio di 7 anni ha il pene curvo molto evidente e non si è risolto con la resezione del frenulo dell’anno scorso. Sono molto preoccupata, vi prego ditemi cosa devo fare per risolvere ora che è ancora piccolo, grazie!
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Cara mamma,
il pene curvo se veramente è curvo non si può risolvere con la sola frenuloctomia, cioè con la recisione del frenulo. A volte si tenta questa prima tappa per vedere se la situazione migliora, ma se questo non accade significa che l’anomalia riguarda proprio l’asta che forma il pene e, più di preciso i corpi cavernosi, che sono due delle tre strutture di forma cilindrica situate all’interno del pene. Questa eventualità rene opportuno effettuare un intervento chirurgico per il loro raddrizzamento: la tecnica operatoria che dà migliori risultati per questo tipo di correzione si chiama Nesbit. Certo, si tratta di un intervento più complesso e delicato di quello che si effettua sul frenulo (successivamente c’è un ricovero di qualche giorno e anche la convalescenza è più lunga) tuttavia il rischio a cui si espone il bambino non sottoponendolo all’intervento è molto alto e non conviene correrlo. Il pene curvo può, infatti, avere come conseguenza la comparsa di dolore e fastidio durante l’erezione e porsi come un ostacolo alla penetrazione, nel corso dei rapporti sessuali. Una simile eventualità, in adolescenza e in età adulta, può compromettere pesantemente la vita sessuale. L’intervento andrebbe effettuato anche prima dei sette anni, quindi senz’altro le consiglio, magari dopo essersi consultata con il suo pediatra, di rivolgersi a un urologo pediatrico e di affidarsi alla sua valutazione e alle sue indicazioni. Mi tenga aggiornata, se lo desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti