Pene di dimensioni modeste: che fare?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 21/03/2023 Aggiornato il 21/03/2023

Non esistono rimedi efficaci per aumentare la lunghezza del pene, ma se le sue dimensioni modeste dipendono dal fatto che addome sporgente e accumulo di grasso sul pube lo nascondono, basta dimagrire per risolvere quello che di fatto è un falso problema.

Una domanda di: Giovanni
Ho 21, sono alto 180 centimetri e peso 176 chilogrammi. Volevo chiederle, riguardo il mio problema, se c’è una soluzione o se sia possibile magari fare un allungamento del pene. Il mio pene in erezione misura 9 centimetri, mentre nella normalità non supera i 4 centimetri. Creda che sia solo un problema di peso? Anche perché questo mi crea gravi problemi di autostima difficoltà nei rapporti sessuali non soddisfacenti per la donna, date le misure: cosa può consigliarmi? Grazie anticipatamente.
Gianni Bona
Gianni Bona

Caro Giovanni, mi permetta di dirle che nella sua condizione il problema minore è proprio la dimensione del suo pene, la cui lunghezza è modesta solo ed esclusivamente per via della plica di grasso che di certo sovrasta il suo pube nonché del suo addome che immagino più che prominente. Un cuscinetto adiposo di grande spessore collocato sul pube e un ventre grosso, quindi sporgente, per forza di cose nascondono una porzione di pene alla vista e, in più, sono di ostacolo a una penetrazione efficace durante i rapporti sessuali. Non deve dunque cercare rimedi miracolosi che allunghino il pene perché le assicuro che non esistono. Può invece affrontare con serietà la sua condizione di gravemente obeso (lei ha un BMI di 54,32, dovrebbe scendere almeno al di sotto di 25) per porvi rimedio e fine. Non sto a elencarle i rischi che corre, immagino che li conosca perfettamente, le ricordo solo che potrebbe sviluppare un diabete mellito di tipo 2, in presenza del quale può venir compromessa anche l’efficienza sessuale, eventualità che renderebbe ancora più irrilevante la misura del pene rispetto al deficit erettile che potrebbe manifestarsi. Il mio consiglio è di iniziare fin da subito a modificare il suo rapporto con il cibo, eliminando tutti gli alimenti spazzatura (che credo lei sappia benissimo quali sono) e iniziando a mangiare sano. Significa niente snack (patatine fritte, merendine, dolcetti vari, bibite zuccherate), sì alla verdura, alla frutta e a quantità di pasta e riso moderate (non più di 80 grammi a pasto), alla carne alternata a pesce, uova e legumi. Il formaggio va consumato solo occasionalmente (mai più di 50 grammi per volta), il pane va limitato al massimo (meglio preferire l’integrale). Naturalmente dovrebbe rivolgersi a un nutrizionista, ma nel frattempo può benissimo agire eliminando quello che, diversamente, continuerebbe a farla ingrassare. Allo stesso tempo, deve fare attività fisica: inizi a camminare a passo sostenuto un’ora al giorno, all’aperto, vedrà subito i risultati. Le suggerirei anche di effettuare la misurazione della pressione e, se non lo ha già fatto, il dosaggio della glicemia,(livello di zucchero nel sangue), del colesterolo e dei grassi (trigliceridi). Che dirle di più? Vorrei davvero che lei si facesse il grande regalo di perdere peso: allora sì, quando si sarà fatto questo dono, recupererà l’autostima e soprattutto si sorprenderà per le sue misure, assolutamente nella norma. Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti