Perdere sette chili in allattamento

Dottoressa Chiara Boscaro A cura di Dottoressa Chiara Boscaro Pubblicato il 13/01/2019 Aggiornato il 13/01/2019

In allattamento non vi è ragione di mettersi a dieta dimagrante, se si ha un peso nella norma. Per tornare al peso iniziale, inferiore a quello in cui ci si trova durante l'allattamento, di norma è sufficiente seguire un'alimentazione sana e fare movimento con regolarità.

Una domanda di: Valentina
Ho una bimba di 9 mesi che allatto 2 volte al giorno. In gravidanza ho preso 14 chili, partivo da un peso di 55 per 167. Con il parto
ne ho persi 6.5,e poi basta. Quindi mi restano 7,5 chili da smaltire. Fino a ora ho sempre mangiato quello che volevo però adesso vorrei iniziare una
dieta non troppo restrittiva in modo da perdere massimo 2 chili al mese. Ho letto però che dimagrimento repentini potrebbero rilasciare nel corpo
sostanze tossiche che poi passerebbero nel latte. Vorrei sapere se dimagrendo solamente 2 chili massimo al mese corro questo rischio, o se
posso farlo. Precisando che seguirei una dieta sana e bilanciata e solo blandamente ipocalorica. Grazie.

Chiara Boscaro
Chiara Boscaro

Gentile signora,
il peso che ha acquisito durante la gravidanza è in linea con l’aumento auspicabile partendo da un BMI normopeso (nel suo caso è partita da un BMI di 19,8). Attualmente pesa 62,5 Kg con un BMI di 22,5, che rientra sempre nel normopeso. Non esistono sostanze tossiche che vengono rilasciate nel corpo e poi passano nel latte materno neppure dopo un calo ponderale repentino. Ciò che invece è deleterio è seguire una dieta dimagrante durante il periodo dell’allattamento quando non c’è necessità, come nel suo caso, visto che non abbiamo una condizione di sovrappeso. In allattamento le richieste energetiche per la produzione del latte materno aumentano di circa 700 kcal al giorno e si ha un consumo calorico extra di 500 kcal. Il fabbisogno aggiuntivo consente una produzione ottimale di latte, che sarebbe difficoltosa in mancanza di un’alimentazione adeguata. Il mio consiglio è di seguire un’alimentazione sana, bilanciata, ricca in fibre, accompagnata da una quotidiana attività fisica, che l’aiuterà a recuperare il peso desiderato in modo naturale. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti