Perdita di sangue a 21 settimane di gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 23/12/2021 Aggiornato il 23/12/2021

Nel secondo trimestre di gravidanza, a volte il senguinamento potrebbe essere dovuto a uno stato infiammatorio che si può scoprire grazie a un tampone.

Una domanda di: Ilaria
Sono a 21+4 di gravidanza, ieri ho avuto una forte perdita di sangue, mi sono recata in pronto soccorso, visita ed ecografia hanno evidenziato che il bambino stava bene, placenta attaccata e collo dell’utero chiuso, mi hanno messo a riposo con terapia di 7 giorni di prontogest per iniezione: ma cosa può essere?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, non è sempre facile chiarire l’origine esatta delle perdite di sangue che ha visto e tanto l’hanno allarmata. La cosa rilevante è che sia stato escluso il distacco di placenta mediante l’ecografia. Inoltre, utilizzando il Prontogest ci aspettiamo che il suo utero rimanga disteso e non si contragga prematuramente. L’idea è che, anche se non è stato riscontrato ecograficamente, potrebbe esserci stato una sorta di distacco che ha procurato il sanguinamento. Immagino le sia stato suggerito anche di stare a riposo e di evitare i rapporti sessuali in questo periodo, dico bene? Non avendo sotto mano il referto della sua ecografia, sarebbe interessante sapere se la placenta sia stata definita normo-inserta (oppure anteriore/posteriore/laterale o fundica) o ancora “bassa”. Nel secondo caso, non ci sarebbe troppo da meravigliarsi di questa perdita ematica in quanto, con tutta probabilità, a seguito di una contrattura uterina si è verificato questo sanguinamento. Anche così, la “cura” migliore consisterebbe nel riposo domiciliare e nell’assunzione di progesterone. Qualora nonostante il Prontogest lei notasse delle perdite ematiche vaginali, sarei propensa a indagarle mediante tampone vaginale e cervicale (a volte uno stato infiammatorio o infettivo può essere responsabile addirittura di un sanguinamento). In ogni caso le direi di essere molto fiduciosa che tutto vada per il meglio. A breve potrà percepire i movimenti del suo bambino e questo le sarà di certo di grande conforto. Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti