Perdita di sangue e ovulo di chemicetina

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 15/02/2021 Aggiornato il 15/02/2021

E' poco probabile che vi sia relazione tra l'uso di un antibiotico per via vaginale e la comparsa di sanguinamento.

Una domanda di: Giulia
Da due giorni ho finito il ciclo e ho iniziato una cura con ovuli di
chemicetina 500 per un’infezione da candida senza sintomi ma rilevata con
tampone vaginale.
Sono al secondo ovulo e oggi ho avuto una perdita di sangue rosso vivo, come
se mi fosse ritornato il ciclo.
Secondo lei può essere una perdita legata alla mestruazione finita da poco o può
essere dovuta alla chemicetina? Mi devo preoccupare?

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Giulia,
a mio parere è poco probabile che la perdita sia dovuta all’applicazione dell’ovulo.
Ritengo però che la valutazione spetti al ginecologo o alla ginecologa che le suggerisco di consultare. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti