Perdita di sangue in menopausa

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 15/02/2022 Aggiornato il 15/02/2022

Un sanguinamento dopo l'arrivo della menopausa deve essere indagato, ma non per questo è di sicuro il segno di un problema grave.

Una domanda di: Doriana
Ho 55 anni e sono ormai in menopausa da circa un anno e mezzo. Le premetto anche che non ho fatto controlli recenti per vicissitudini varie che non sto qui a raccontarle. Oggi ho constatato evacuando e per la prima volta, di perdere sangue rosso vivo, invero non in grande quantità, che ad un più accorto controllo ho accertato provenire dalla vagina. La cosa mi ha molto spaventata. È un momento per me di grande dolore e ansia per più di un motivo , lo dico per fornirle un quadro più preciso del momento storico personale che sto vivendo. Domani stesso prenoterò una ecografia transvaginale, intanto gradirei un suo parere e conforto su quanto accaduto(gli scenari per me sono già i peggiori, le confesso) Ringraziandola fin d’ora le porgo i miei più cordiali saluti.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora Doriana, Ha fatto benissimo a prenotare l’ecografia: è la cosa migliore da fare per verificare cosa sta accadendo e togliersi ogni paura. Mi sento comunque di dirle che una perdita di sangue come quella che lei mi ha descritto non esprime necessariamente un problema grave. Nella maggior parte dei casi può essere dovuta alla presenza di un piccolo polito, più frequente in gravidanza di quanto in genere si immagina. Potrebbe anche trattarsi di una ripresa – modesta e parziale – di flusso mestruale. E’ quest’ultima un’evenienza rara, ma non impossibile, soprattutto dopo 18 mesi dall’arrivo della menopausa. La invito a non fasciarsi la testa prima di sapere e anche ad ascoltare le indicazioni che le darà il collega dopo aver effettuato l’ecografia. mi tenga aggiornato, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti