Perdite di sangue a inizio gravidanza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 11/05/2021 Aggiornato il 11/05/2021

Solo il passare del tempo può permettere di comprendere come evolverà una gravidanza all'inizio della quale si è verificata una minaccia di aborto.

Una domanda di: Carla
Salve,
ho fatto il primo dosaggio delle beta il 29 aprile e sono di 905,70.
Il secondo il 03 maggio e sono di 2995,00.
Il terzo l’8 maggio e sono di 5799,00.
Il terzo l’ho fatto dopo aver avuto perdite di sangue e ora marroni. Mi
hanno diagnosticato minaccia d’aborto e suggerito di ripetere appunto il terzo dosaggio delle beta
per vedere se i numeri crescono. Come mai continuo ad avere perdite? Sto
facendo il Prontogest da 4 giorni.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
le beta crescono bene.
La perdita ematica rosso vivo si ha quando si verifica un piccolo scollamento delle membrane, che nella stragrande maggioranza dei casi si ricompone nel tempo (aiutato da riposo e progesterone). Poi quel poco di sangue che si è in parte coagulato esce con colore più scuro: significa che la perdita c’è stata e quello è il sangue vecchio della perdita avuta i giorni precedenti. Sicuramente chi le ha prescritto il controllodelle beta le avrà già dato questa spiegazione. Inoltre le avrà sicuramente fatto una ecografia, che lei però non cita. Sicuramente le avrà detto che la deve rivedere a breve per valutare come procede il riassorbimento del piccolo scollamento. Sicuramente le avrà anche detto che solo coi i controlli prescritti (beta ed ecografia di controllo dopo almeno 7 giorni dalla precedente) potrà tirare delle conclusioni attendibili: insomma occorre attendere il passare dei giorni. Deve quindi avere un po’ di pazienza, come sicuramente le ha detto chi la sta seguendo. Il progesterone è un valido farmaco per aiutare la gravidanza nelle sue prime fasi ma non è un emostatico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti