Perdite di sangue dopo il capoparto

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 25/03/2023 Aggiornato il 25/03/2023

Un sanguinamento anomalo che si verifica dopo il parto, merita senza dubbio di essere indagato attraverso visita ginecologica e controllo ecografico.

Una domanda di: Chiara
Subito dopo le normali perdite di sangue dopo aver partorito (cesareo) ho avuto il capoparto. Finito il capoparto dopo una settimana abbondante mi si ripresentano perdite di sangue. Non ho ancora effettuato il controllo che si esegue dopo 40 giorni dal parto perché purtroppo tra una mestruazione e l’altra passava poco tempo. Devo preoccuparmi? Grazie.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Chiara, non riferisce da quanto ha partorito, comunque sia non vedo motivo di preoccupazione ma deve trovare il tempo per un controllo ginecologico ed ecografia. Vi è la possibilità che vi sia qualche residuo di tessuto placentare che deve ancora essere espulso oppure è semplicemente un sanguinamento tardivo che, non sappiamo se allatta, sta dando segni di sé in maniera incerta. Controllo clinico con visita ginecologica ed ecografica ed eventualmente un prelievo di sangue per controllare l’ormone della gravidanza possono fare completa chiarezza su una caratteristica del suo utero post gravidico che merita una diagnosi precisa. Ci faccia sapere l’esito di questi accertamenti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti