Perdite di sangue in prossimità di un’isteroscopia

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 04/08/2021 Aggiornato il 04/08/2021

E' opportuno avvisare il ginecologo della presenza un sanguinamento che persiste a pochi giorni dalla data fissata per l'esecuzione dell'isteroscopia.

Una domanda di: Lorenza
Ho 50 anni e soffro da 3 mesi di cicli molto abbondanti e lunghi anche 15 –
20 giorni. Dalla visita, la ginecologa ha rilevato un piccolo polipo e mi
ha prescritto un’isteroscopia con biopsia. Dopo molti rinvii finalmente ho
fissato l’appuntamento. Tra due giorni ho appuntamento per l’isteroscopia
diagnostica, ho iniziato il ciclo 6 giorni fa ma ho ancora perdite. Posso
prendere il tranex per fermare le perdite e poter effettuare la visita?
Grazie.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
prescrivere terapie non è nelle nostre competenze, nel caso particolare oltretutto si tratterebbe di dare indicazioni terapeutiche senza cognizione di causa, visto che le informazioni che mi dà sono scarse e poco significative in relazione alla reale situazione clinica. In più, se è vero che l’acido tranexanico aiuta a ridurre le perdite è altrettanto vero che non è detto che sortisca l’effetto desiderato. Inoltre lei prenderebbe una terapia senza preventivamente avere l’accordo della sua dottoressa o di chi dovrebbe eseguire l’esame e questo non è proprio possibile né sarebbe opportuno. Il modo migliore e corretto di comportarsi è di sentuire la sua dottoressa così da affrontare la cura più adatta secondo la specialista che conosce bene la sua storia clinica. Tenga comunque presente che si può sempre spostare l’esame, attendendo che le perdite scmpaiano spontaneamente. Attenzione però: se non avvisa corre il rischio di trovarsi in sede di esame e sentirsi dire che si deve rimandare a data da destinarsi. E’ dunque sempre meglio avvertire, in modo da pianificare al meglio (come tempi, soprattutto) l’eventuale “rimando”. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti