Perdite di sangue in settima settimana di gravidanza: che fare?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 04/05/2022 Aggiornato il 04/05/2022

In realtà, i mezzi per contrastare una minaccia di aborto sono davvero pochi: è la Natura a decidere il destino della gravidanza.

Una domanda di: Simona
Io sono alla settima settimana e ieri ho avuto delle perdite di sangue come se fosse la fine di una mestruazione. Sono corsa in ospedale dove mi hanno visitato e mi hanno detto che in utero è presente la camera gestazionale 3×3 ed sono stati visualizzati sacco vitellino, annessi regolari e collo presente posteriore chiuso. Mi hanno solo detto essere normali perdite date dalla gravidanza e mi hanno detto di tornare qualora le perdite aumentassero come in una mestruazione e mi hanno dimesso. Io però ho ancora perdite di sangue da salvaslip e crampi, ma in Pronto soccorso sembrava dessi fastidio, inoltre nessuno mi ha spiegato cosa fare in questi giorni. grazie mille
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi colpisce il finale della sua lettera perché in effetti non dovrebbe capitare che una paziente gravida si senta di peso in pronto soccorso, soprattutto se è il suo primo accesso ed è alla sua prima gravidanza. Purtroppo però i colleghi in pronto soccorso non sono certamente di fronte al primo caso di minaccia d’aborto della loro carriera e questo rende il suo caso meno stimolante dal loro punto di vista. Inoltre, il vero problema è che noi medici non abbiamo grandi strumenti per agevolare il buon esito di una gravidanza appena incominciata: possiamo raccomandarle il riposo domiciliare, in alcuni casi suggerire addirittura l’assunzione di ovuli di progesterone ma a ben guardare siamo consapevoli che la Natura deve fare il suo corso. Nel suo caso, è un’ottima cosa che sia stato visualizzato il sacco vitellino: ci aspettiamo che tra circa una settimana al prossimo controllo ecografico sia visibile anche l’embrione. D’altra parte, questa discrepanza tra la settimana di amenorrea (7) e l’aspetto ecografico compatibile con circa 5 settimane di gravidanza, oltre alla presenza di perdite ematiche per quanto modeste, ci fanno temere che questa gravidanza possa anche avere esito infausto. Per quello le è stato indicato di tornare in pronto soccorso in caso di perdite ematiche abbondanti come una mestruazione. Mi scusi se sono così schietta, capisco che la mia risposta possa suscitarle un grande dispiacere e anche destabilizzarla in quanto non si può prevedere con certezza né che la gravidanza vada a buon fine, né che si concluda precocemente con un aborto spontaneo. Il mio consiglio è di essere fiduciosa che tutto andrà bene e tener presente che anche il suo minuscolo “fagiolino” sta facendo del suo meglio per crescere e farsi trovare bello pimpante alla prossima ecografia. La abbraccio a distanza, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti