Perdite di sangue nel primo trimestre di gravidanza

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 31/08/2020 Aggiornato il 31/08/2020

Nei primi mesi della gestazione eventuali perdite di sangue richiedono controlli specifici e la prescrizione di progesterone e antispastici. Anche il magnesio può essere utile.

Una domanda di: Irene
Ho 35 anni e sono alla mia seconda gravidanza. Attualmente sono a 7 + 6. A differenza della prima gravidanza, nella quale non ho avuto problemi di nessuna natura, attualmente sto avendo delle perdite che mi stanno mettendo in agitazione.
Sono iniziate alla sesta settimana, con lievi e di colore marroncino, che si sono presentate per 4/5 giorni in maniera sporadica, nel corso della giornata. Da 4 giorni a questa parte però si stanno verificando delle perdite rosate sempre in maniera sporadica, nel corso della giornata, tuttavia continua. Essendo il mio ginecologo in ferie, alle prime perdite rosate, mi sono recata subito al pronto soccorso dove mi hanno fatto una eco trasvaginale e mi hanno rassicurato. Ma continuo ad essere preoccupata proprio perché non accennano a smettere. Non ho dolori particolari se non qualche lieve doloretto al basso ventre.
Specifico che nella settimana corrente avrei dovuto anche avere il ciclo. Vorrei capire se mi devo preoccupare o, se è normale, per quanto potrebbero durare. Grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, il primo trimestre di gravidanza porta con sé il rischio di aborto spontaneo. Generalmente per ridurre questo rischio in situazioni come quelle che lei sta descrivendo (doloretti e piccole perdite ) è consigliato l’uso di antispastici (Buscopan), progestinico per uso locale, ovuli o crema, una volta al giorno. Si può associare anche l’assunzione di un integratore di magnesio, che riduce la contrattilità dell’utero. Il riposo (non a letto) può incidere positivamente in situazioni di questo tipo e anche l’astensione dai rapporti sessuali, che possono di per sé stimolare la contrattilità dell’utero e quindi innescare un meccanismo negativo.
Talvolta è anche opportuno verificare l’assenza di germi nel canale vaginale ed escludere anche eventuali infezione delle vie urinarie effettuando un tampone vaginale e un esame colturale delle urine. La presenza di agenti infettivi può infatti essere corresponsabile del rpoblema. A distanza di una decina di giorni dal controllo che ha fatto verifichi con il suo specialista che vada tutto bene. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti