Perdite di sangue post IVG

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 24/11/2021 Aggiornato il 24/11/2021

Dopo aver effettuato un'interruzione volontaria della gravidanza è normale avere delle perdite che si protraggono per periodi anche abbastanza prolungati.

Una domanda di: Rachele
Un mese e mezzo fa ho avuto un’interruzione di gravidanza
volontaria, ho avuto perdite per 10 giorni, dopo 20 giorni dall’Ivg mi sono
venute le mestruazioni, durate 10 giorni, ora dopo una settimana mi sono
tornate delle perdite, cosa può essere? Non sono perdite abbondanti.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, quanto descrive appare normale, è l’evoluzione di un decorso post Ivg che ci si aspetta. Non ha riferito se l’interruzione è stata chirurgica o farmacologica (approfitto per dire che meno informazioni vengono fornite più è difficile dare una risposta). Nel primo caso la durata delle perdite è tendenzialmente più lunga per permettere l’espulsione di piccoli frammenti di materiale o endometrio. In ogni caso è corretto ripetere un test di gravidanza dopo 3 settimane per verificare che sia negativo e effettuare una ecografia ginecologica, dal suo ginecologo di fiducia, per verificare il buon esito della procedura a cui si è sottoposta (Ivg).
Sperando di essere stato utile la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti