Perdite di sangue a 55 giorni dal parto

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 12/03/2021 Aggiornato il 12/03/2021

A volte il capoparto può comparire anche a due mesi dalla nascita del bambino, anche s el'eventualità di fatto è rara.

Una domanda di: Doriana
Salve dottoressa, ho partorito il mio terzo bimbo da 55 giorni, parto naturale, lo allatto esclusivamente al seno. Le perdite erano quasi
scomparse ora sono 7 giorni che sono ricomparse di colore rosso vivo. L’assorbente
da qualche giorno devo cambiarlo più o meno ogni 4 ore… Preciso che 5
giorni fa ho avuto un breve rapporto con mio marito. Non so se possa
dipendere da questo. Al momento del parto l’ostetrica mi ha fatto vedere la
placenta che era intatta ora non so se ci possa essere il rischio di qualche
pezzettino del sacco che conteneva il bambino però alla dimissione il dottore mi
ha visitata e fatto l’eco addominale ed era tutto a posto. Sono molto
preoccupata… Mi saprebbe dire cosa potrebbe essere? Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi immagino che queste perdite possano essere il capoparto anche se mi pare strano le sia già arrivato dal momento che non sono trascorsi nemmeno due mesi dal parto e sta allattando esclusivamente al seno.
Potrebbe darsi che siano rimaste delle membrane amniochoriali nel suo utero…dubito possa trattarsi di una parte della placenta dal momento che è stata controllata bene sia al parto che ecograficamente alla dimissione.
Ritengo non ci sia da preoccuparsi a meno che le perdite ematiche abbiano cattivo odore oppure le venga la febbre (da misurare all’inguine e NON all’ascella in allattamento!), in questi casi sarebbe opportuno recarsi in pronto soccorso per una visita urgente.
Ad ogni modo, di solito tra i 40 e i 60 giorni dopo il parto è raccomandata la visita ginecologica di controllo…magari lei l’ha già effettuata? Altrimenti sarebbe utile programmarla anche per discutere di fertilità: se davvero si tratta del capoparto, significa che lei sta già ritornando fertile nonostante l’allattamento…complimenti alle sue ovaie! Mi immagino che possa accadere se il suo bimbo dorme a lungo la notte…è magari il vostro caso? Glielo auguro, perché immagino che anche lei abbia bisogno di riposare bene per sostenere il nuovo ritmo della famiglia.
Resto a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti