Perdite di sangue scomparse dopo un primo episodio: c’è speranza che la gravidanza prosegua?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/06/2022 Aggiornato il 09/06/2022

La scomparsa del sanguinamento, che per mezzo dell'ecografia è stato ricodotto a un "distacco", è senza dubbio un ottimo segno per quanto riguarda le sorti della gravidanza.

Una domanda di: Francesca
Buongiorno Dottoressa, La disturbo per farle delle domande. Alla 6a settimana + 6 giorni ho avuto improvvisamente perdite che mi hanno fatta correre in pronto soccorso e dall’ecografia è risultato esserci un distacco amniocoriale di 44 x 20 mm. Il feto c’era era cresciuto in una settimana esatta da 3 mm a 8 mm e l’attività cardiaca c’era. Mi è stato detto di stare con i piedi per terra perché era un distacco molto importante e di aspettarmi di tutto. Da quel giorno sto mettendo un ovulo di progesterone la sera e in più prendo due pastiglie di DAV ( magnesio). Le perdite sono durate due giorni per poi azzerarsi. Sono stata fino ad ora a riposo, attendo il giorno dell’ecografia di controllo. Ho molta paura e vorrei capire se ad oggi che sono alla 8a settimana + 6 giorni, dato che i sintomi della gravidanza sono sempre continuati e dato che altri problemi non sono più emersi (oltre al mal di stomaco ma credo sia legato alla gravidanza), ho speranza che si sia assorbito il distacco? Sono stati davvero pessimisti alla visita in pronto soccorso e io fatico ad essere positiva… Grazie per l’ascolto. Le auguro una buona giornata.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, sono già trascorse ben due settimane dal suo accesso in pronto soccorso per via delle perdite ematiche…mi sembrano un tempo abbastanza lungo per coltivare la speranza che la prossima ecografia le possa confermare che tutto sta procedendo per il meglio. Magari il distacco sarà ancora visibile ecograficamente (delle stesse dimensioni o speriamo già in via di riduzione) ma questo non pregiudica per fortuna il fatto che questo incidente di percorso che tanto l’ha fatta temere il peggio, sembra ormai superato. Per prudenza le raccomando di riprendere gradualmente le sue attività solite anche dopo il buon esito dell’ecografia: cerchi di farsi guidare da ciò che le dice il suo corpo (se sente tirare la pancia o la schiena verso sera, è possibile che lei abbia come si suol dire tirato troppo la corda nel corso della giornata) Mi dispiace che i colleghi del pronto soccorso l’abbiano impaurita con le loro previsioni infauste: anche in presenza di un distacco voluminoso è comunque corretto essere prudenti rispetto alla sorte della gravidanza. Un conto è tenere i piedi per terra (,e ammettere la possibilità di perdere la gravidanza stessa), altro è non lasciare speranze sul fatto che il distacco si possa organizzare prima e riassorbire poi. Mi sembra un po’ pretenzioso come atteggiamento, tanto più che non abbiamo la sfera di cristallo in mano! Spero di esserle stata di aiuto e incoraggiamento, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti