Perdite scure in 11ma settimana: che fare?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 04/08/2020 Aggiornato il 04/08/2020

Non è opportuno recarsi in pronto soccorso a fronte di perdite di modestissima entità, meglio invece seguire i consigli del ginecologo, come stare a riposo e usare ovuli di progesterone.

Una domanda di: Donata
Ho 30 anni, sono alla mia prima gravidanza e sono a 11 settimane (precisamente 10 settimane e 4 giorni). Dalla quinta settimana ho avuto un distacco, il mio ginecologo mi aveva messo a
riposo assoluto per 10 giorni. Dop 10 giorni durante la visita il distacco si era assorbito e il ginecologo mi aveva detto di provare a tornare a lavoro (sono impiegata). Dopo due giorni di lavoro, ho avuto delle perdite marroni, quindi ho fatto una visita dal ginecologo che ha trovato nuovamente delle aree di distacco. Quindi mi ha detto di rimanere a riposo assoluto
(letto/divano) per un mese, mi ha dato punture di Pleyris e magnesio. Da allora ho avuto diversi episodi di perdite marroni che mi hanno spaventata molto. Sono corsa al pronto soccorso e mi dicevano sempre di non preoccuparmi perché si trattava di sangue vecchio. All’ultima visita ginecologica dal mio ginecologo (fatta il 30 luglio, quindi a 10 settimane e un giorno) il ginecologo mi ha detto che il distacco è migliorato, è in fase di riorganizzazione, tranquillizzandomi molto. Mi ha detto però che servirà un altro mese di riposo assoluto, mi ha sostituito le
punture di Pleyris con gli ovuli vaginali di Progeffik (da 200 due volte al giorno), continuo a prendere il magnesio due volte al giorno (Polimag). Durante questa visita il ginecologo mi ha detto che stava migliorando tutto (mi è sembrato molto ottimista nel dirmelo) e che di questo sangue non devo preoccuparmi perché è vecchio e l’organismo se ne libera e il bambino e il
battito sono regolari. Io però continuo a spaventarmi ogni volta che vedo queste macchie sulla carta igienica. Quando vedo queste macchie marroni miste a muco di solito avverto
dolori/fastidi al basso ventre. E il suggerimento del mio ginecologo è sempre lo stesso: stare sdraiata, rilassarmi e prendere un Buscopan. Aggiungo che ho avuto problemi intestinali pesanti per circa 20 giorni. Diarrea, gonfiore addominale e dolori al basso ventre che sto cercando di risolvere con un gastroenterologo che mi ha detto di avere una forte infiammazione al
colon. Mi chiedo se sono troppo ansiosa io e in caso di perdite marroni (sempre miste a muco trasparente o bianco) accompagnate da dolori/fastidi al basso ventre devo solo fidarmi delle parole del mio ginecologo o dovrei correre in pronto soccorso. La ringrazio molto per la sua cortese attenzione: il suo parere è molto importante. E mi scuso tanto per la lunghezza del mio messaggio.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, capisco la sua apprensione per queste perdite ematiche, per quanto scarse e di colore marrone. Le confermo però che recarsi in pronto soccorso non è opportuno finché le perdite rimangono di quell’entità in quanto sottoporsi allo stress del pronto soccorso, alla visita e alla ecografia interna come previsto di prassi, non può che essere fonte di contrazioni uterine e, quindi, potenzialmente potremmo aspettarci o un ritardo nella riorganizzazione del distacco o, addirittura, un suo ampliamento.
Stare a riposo, assumere progesterone sotto forma di ovuli e integratori di magnesio sono tutti strumenti volti proprio a mantenere l’utero il più possibile a riposo, in modo da ottimizzare il processo di riparazione della placenta. Il tema intestinale è certamente importante da approfondire in quanto in gravidanza è grazie all’assorbimento dei nutrienti nell’intestino che possiamo garantire il nutrimento alla creatura. Di solito si osserva un rallentamento del transito intestinale, volto proprio a ottimizzare l’assorbimento di tutti i nutrienti. Nel suo caso, in attesa di chiarire l’origine di questa colite, mi permetto di suggerirle di assumere dei fermenti lattici, in modo da aiutarsi a regolarizzare il transito (ci auguriamo) e allo stesso tempo prevenire l’insorgenza della Candida a livello vaginale (cosa piuttosto comune in gravidanza in casi analoghi).
Spero di averla aiutata, abbia fiducia che tutto andrà per il meglio e che anche il suo piccolo ce la sta mettendo tutta per diventare grande.
A disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti