Periodo fertile

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 29/08/2013 Aggiornato il 04/12/2022

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: dicarloemanuela@libero.it
Salve, mi chiamo Emanuela ho 29 anni e una bimba di 2 anni e 2 mesi. Ho avuto sempre un ciclo molto regolare e infatti sono rimasta incinta subito non appena sposata. Adesso io e mio marito vorremmo un altro figlio, purtroppo però è da tre mesi che ci proviamo avendo rapporti completi 2/3 volte alla settimana, ma senza successo e non
riusciamo a capirne il motivo. Io non sono molto pratica di calcolo dei giorni fertili, temperatura basale e cose del genere, e quindi vorrei un suo consiglio su cosa è meglio fare in queste situazioni. Esiste un metodo migliore da usare in questi casi? La ringrazio tanto.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Carissima, non mi preoccuperei perché tre mesi di ricerca non sono molti. In ogni caso sarebbe più opportuno mirare i rapporti nel periodo ovulatario che in un ciclo con frequenza regolare ogni 28/30 giorni è normalmente intorno al 14esimo giorno. Se passano altri 9/10 mesi senza successo, contatti il suo specialista di fiducia. Non dimentichi di assumere acido folico già in questa fase di ricerca per ridurre il rischio di malformazioni. Auguroni!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti