Piaghetta della cervice: impedisce di provare piacere?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/05/2023 Aggiornato il 09/05/2023

La presenza sul collo dell'utero (cervice) di un tessuto che non gli appartiene, detta comunemente (ma impropriamente) "piaghetta", non interferisce sulla possibilità della donna di provare piacere durante i rapporti sessuali.

Una domanda di: Alessandro
Salve vorrei un’informazione. Da circa 9 mesi la mia ragazza, quando facciamo l’amore, alla penetrazione non sente nulla. Lei ha pure una pieghetta all’utero. Vorrei sapere il motivo quale potrebbe essere? Può influire il fatto della pieghetta? Grazie.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettore,
il termine piaghetta è improprio, anche se usato comunemente. Il suo nome scientifico è ectropion che vuol dire “estroflessione” e in realtà si tratta
proprio della presenza di una porzione di tessuto di rivestimento del collo dell’utero (o cervice) fuoriuscito collo stesso (riguarda quindi il collo dell’utero e non l’utero). In pratica nella porzione esterna del collo dell’utero (quella che sbocca in vagina) si trova un tessuto che non le appartiene. La piaghetta è frequente nelle donne in età
fertile e non rappresenta una vera e propria patologia, tant’è che spesso viene scoperta casualmente durante un controllo ginecologico, senza aver
prima mai dato segni di sé. È anche vero però che a volte può essere fonte di fastidio durante i rapporti sessuali, ma non mi risulta che causi una
perdita della sensibilità o che impedisca di provare piacere. Tenga presente che oltre al fattore psicologico, gioca un ruolo altrettanto importante per la
risposta sessuale femminile una corretta stimolazione del clitoride, che si può ottenere anche durante la penetrazione adottando posizioni che
consentano di sollecitarlo. Se questa zona erogena viene trascurata è facile che la donna senza poco nulla.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti