Piccolino che mangia poco

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 07/09/2018 Aggiornato il 07/09/2018

Più che "quanto" latte un bambino assume è importante che il suo aumento di peso avvenga in maniera costante e sia in armonia con gli altri parametri di crescita (altezza e circonferenza cranica).

Una domanda di: Demetrio
Caro dottore, sono disperato il mio bimbo di tre mesi e mezzo mangia a malapena 100ml di latte. Oggi ha mangiato sempre 80ml ogni tre ore, a volte ogni 4 ore, ma sempre così poco mangia, cosa mi consiglia di fare? Quando aveva un mese di vita mangiava 90 ml adesso dovrebbe costantemente assumerne 150. Aspetto suoi consigli, grazie.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentilissimo papà Demetrio, per quanto riguarda l’allattamento certamente è importante la quantità di latte ad ogni poppata ma ancora più di questo è l’aumento di peso del bambino, che deve essere costante. Si deve inoltre valutare la curva di crescita del bambino e quindi i percentili relativi a peso, altezza e circonferenza cranica. Se il suo pediatra le conferma che tali valori rientrano nella norma, allora direi che può stare tranquillo. In caso contrario sarà stesso il pediatra a consigliarle una serie di esami e controlli da fare.
Con cordialità, a disposizione.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti