Piccolissima a contatto con un “positivo”: conviene rinviare la vaccinazione obbligatoria?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 16/08/2022 Aggiornato il 16/08/2022

La variante Omicron è contagiosissima: per prudenza, dopo un contatto con una persona positiva al tampone per la ricerca del coronavirus, è bene che la prima vaccinazione obbligatoria venga rimandata.

Una domanda di: Silvia
La mia bambina (2mesi e 6 giorni) tra 3 giorni dovrà eseguire i primi vaccini obbligatori. Io ieri ho avuto contatto con una persona positiva ma essendo passate neanche 12 ore non ho ritenuto sensato eseguire il tampone. La bambina attualmente ha un po’ di raffreddore e qualche colpo di tosse. Posso procedere tranquillamente al vaccino della bimba oppure sarebbe meglio rimandarla? Meglio eseguire un tampone qualche giorno prima della data del vaccino? Ho paura all’idea di farle eseguire un tampone essendo molto piccola ma ho anche paura di possibili conseguenze provocate dal covid in caso di vaccinazione. Grazie mille.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile mamma, la variante Omicron, che è quella con cui oggi ci troviamo a dover fare i conti, è altamente contagiosa e la possibilità che lei sia nella fase di incubazione dell’infezione CoVid-19 è possibile, visto che è venuta in contatto con una persona positiva. Per sicurezza, soprattutto in caso di sintomi (mal di gola, mal di testa, tosse, febbre) dovrebbe effettuare il tampone, tenendo però presente che i falsi negativi sono sempre possibili,  tant’è che la comunità scientifica ha stabilito che sia buona norma
precauzionale considerare di essere in presenza dell’infezione CoVid-19 ogni volta che si manifestano i sintomi che la caratterizzano (febbre, mal di gola, tosse, raffreddore, indolenzimento muscolare, stanchezza, malessere), a prescindere dall’esito del tampone. Per prudenza, a mio avviso, potrebbe rimandare di una settimana la vaccinazione della sua piccina, sempre che lei, mamma, non presenti disturbi e abbia il tampone negativo. Diversamente, cioè se lei si ammalasse, la vaccinazione sarebbe da rinviare di più giorni. Non farei invece il tampone alla bambina. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti