Piccolissima con lieve displasia dell’anca

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 18/06/2021 Aggiornato il 18/06/2021

Nei casi di displasia dell'anca lieve, per risolvere la situazione basta mettere al bebè il doppio pannolino.

Una domanda di: Giovanna
Ho una bambina di quasi 3 mesi affetta di displasia dell’anca sinistra. Per circa 3 mesi è stato consigliato solo l’uso del doppio pannolino (valutando la cosa come lieve). Ora, invece, si comincia ad usare la mutandina in plastica rigida. Vorrei avere un vostro parere.
Grazie.
Dottor Lucio Palmiero
Dottor Lucio Palmiero

Gentile signora,
l’anca è un’articolazione che permette ampi movimenti in tutte le direzioni e per questo è piuttosto complessa. Durante la vita intrauterina e nei primi anni si modifica profondamente assumendo le caratteristiche anatomiche definitive nella maturità. Nel neonato, naturalmente, le anche non sono ancora mature: l’articolazione è ancora costituita in maggior parte da cartilagine e oltretutto il bacino riesce a racchiudere solo una porzione della testa del femore.
L’affermarsi dell’ecografia e della diagnosi precoce a tappeto ne ha un po’ ridimensionato l’importanza, che resta pur sempre imprescindibile. Altre manifestazioni evidenti alla visita invece sono visualizzabili anche con la sola ispezione, e sono costituiti dall’asimmetria tra i due arti che si evidenzia in particolare dalle pliche cutanee delle cosce e delle natiche, dalla fessura vulvare e dalla rotazione dell’arto: questi segni non sono decisivi perché presenti anche in bimbi sani e non hanno grande utilità nella diagnosi, ma solo nel porre un eventuale sospetto clinico.
Nei casi lievi l’adozione del doppio pannolone è una misura sufficiente e risolutiva. Posto tutto questo, continui a seguire i consigli del suo pediatra. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti