Piccolissimo che mangia meno dopo la vaccinazione

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 22/12/2022 Aggiornato il 22/12/2022

Può capitare che i lattanti, per un certo periodo dopo essere stati sottoposti alla vaccinazioni, dimostrino meno appetito rispetto all'abituale, senza che questo sia il segno di un problema.

Una domanda di: Maria Angela
Salve dottore, il mio bimbo ha circa 70 giorni di vita, prende il latte solo artificiale ma da un paio di settimane ha iniziato a non mangiare moltissimo. La poppata notturna la salta quasi sempre ormai, mente il giorno di solito mangia ogni 4 ore alcune volte anche dopo 3 ore, il problema è che dovrebbe bere circa 120 ml avendo più di due mesi ma lui ne beve quasi sempre 90/100 ml per farlo arrivare almeno sui 110 dobbiamo insistere parecchio. il pediatra l’ultima volta che lo ha visitato una decina di giorni fa mi ha detto che cresce bene, ma nell’ultima settimana avendolo pesato a casa ho notato che è cresciuto pochissimo e io non so cosa pensare, qualche giorno fa ha fatto il suoi primi vaccino ed ha avuto un pochino di febbre ma solo per una sera, non so se anche questo abbia potuto influire. Sono molto preoccupata e questa cosa non la vivo serenamente e ho paura di trasmettere ansia e paura anche a lui . Devo preoccuparmi del fatto che mangia poco? E che salti di già la poppata notturna ?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, può essere che il piccolo abbia reagito anche a livello alimentare alla vaccinazione, può capitare che i lattanti dopo averla effettuata siano più svogliati o, comunque, si accontentino di meno quantità di latte. Per quanto riguarda la poppata notturna, guardi che non è così raro che a due mesi di vita venga abandonata, senza che questo implichi che a monte ci sia qualcosa che non va oppure esponga a conseguenze. Il pediatra ha visitato il bambino e non ha rilevato problemi di scarsa crescita e questo è un elemento positivo. Se poi il piccolo al di fuori del pasto è quello di sempre, vivace, sorridente, sgambettante, può di certo stare tranquilla: sono, infatti, tutti ottimi segnali rassicuranti che autorizzano a ritenere che il fatto che mangi un po’ meno non è significativo. L’aumento di peso lo controlli ogni due settimane: quello che conta è che ci sia un aumento, anche se modesto. Solo un arresto della crescita deve suggerire di rivolgersi nuovamente al pediatra curante. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Allatto mio figlio di due anni e sono incinta: posso usare il progesterone?

01/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego di progesterone a sostegno di una nuova gravidanza è consentito durante l'allattamento, soprattutto se il bambino nutrito al seno è già svezzato.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti