Piccolissimo che reclama continuamente il seno

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 10/11/2022 Aggiornato il 10/11/2022

Non stupisce affatto che un lattantino reclami spessissimo la poppata, ma se la mamma è stanca ci sono piccoli trucchi che possono aiutare a ridurre almeno un po' la frequenza delle poppate.

Una domanda di: Lidia
Salve, ho un bimbo di un mese e da quando è nato ha sempre rifiutato il ciuccio. Non che io voglia per forza darglielo, ma purtroppo il mio bimbo starebbe ore ed ore al seno, la sua richiesta è continua. Non dorme se non con il seno, e se provo a staccarlo dopo pochi minuti si sveglia piangendo in maniera incontrollata. Insomma non posso fare un passo se non con lui al seno. Tra l’altro rigurgitata spesso poiché mangia di continuo, ed io non riesco a dargli orari o capire qual è l ora della poppata. Come fare a venire a capo a questa situazione?
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma, stiamo parlando di un lattantino di un mese! È normale che reclami il seno, è normale che voglia succhiare così tanto. Con il passare delle settimane la situazione diventerà più controllabile, ma intanto porti pazienza e si goda questo piccino attaccato al seno. Stia tranquilla che non durerà in eterno, anzi tutto finirà molto prima di quanto adesso lei riesca a immaginare. Comunque sia, dopo la poppata se riesce si faccia sostituire da qualcuno (il papà, una zia, una nonna, un nonno) per almeno un paio d’ore, perché è possibile che non “fiutandola” non inizi subito a chiedere il latte. Per quanto riguarda il ciuccio, c’è un proverbio antico che dice che “il ciuccio è mezza balia!”. Il che è molto vero, quindi provi a insistere un pochino, senza ovviamente addolcire la tettarella in alcun modo (no a miele, zucchero, camomilla e così via) e senza esagerare nel forzare la mano. Se persiste nel rifiuto, come non di rado fanno gli allattati al seno, non ci pensi più, accantoni l’idea di proporglielo tanto sarebbe inutile. Le consiglio anche, fino a quando la stagione lo permetterà, di portare il bambino all’aperto, ben protetto dal freddo nel suo carrozzino: è un trucco che spesso funziona per distrarre un piccolissimo dal seno almeno per due-tre ore di seguito. Infine tenga presnete che in quest’epoca possono comparire le crisi di pianto inconsolabile (un tempo dette coliche dei tre mesi) che richiedono ancora più pazienza (come si capisce dall’aggettivo “inconsolabile”) ma che fortunatamente sono transitorie. Non si arrabbi con me cara mamma, perché io comprendo benissimo la sua stanchezza e il suo stato d’animo (anche io ho avuto a mio tempo un bebè), ma nonostante questo mi sento di rammentarle che in casa non è arrivato un bambolotto, ma un bambino che ha bisogno della mamma e delle sue cure. La bella notizia è che verrà un giorno in cui lei ripenserà a questo periodo oggi così difficile e faticoso con nostalgia: ci scommetto. Mi scriva ancora se lo desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti