Piccolissimo con broncodisplasia di grado moderato: è obbligatorio accettare che venga dimesso?

A cura di Dottor Claudio Migliori Pubblicato il 02/04/2024 Aggiornato il 02/04/2024

Nessuno può obbligare a portare a casa un neonato ancora in ossigenoterapia, tuttavia la durata del ricovero non può essere protratta indefinitamente, soprattutto per il fatto che l'ospedale non può offrire a un bambino tutto quello di cui ha bisogno per un armonioso sviluppo neurologico e comportamentale.

Una domanda di: Rita
Le scrivo per avere un parere sul mio bambino, nato prematuramente a 29 settimane + 4 giorni, per PPROM e oligoidramios, di 1100 grammi. Siamo attualmente in TIN, da 5 mesi; è stato intubato 2 mesi, per poi passare in assistenza ventilatoria non invasiva e successivamente a flusso libero in incubatrice con Fi 02
0,35/0.40, da cui risulta ancora dipendente. Il bimbo, ad oggi, ha età cronologica 5 mesi e mezzo, età corretta 2 mesi e mezzo.
Peso, 3,4 chilogrammi. Ai controlli emogasanalitici seriati: acidosi respiratoria cronica compensata con pCO2 max 66.
La diagnosi: BRONCODISPLASIA DI GRADO MODERATO. Ci stanno proponendo di andare a casa in ossigeno terapia, ma quello che più
ci preoccupa, è la sua saturazione che oscilla tra gli 80/90. Ma è sempre sotto i 90 con il 35/40% dell’ossigeno in incubatrice. La percentuale maggiore è 81-85. I medici della TIN ci dicono di non guardare il monitor e di imparare a vedere il colorito del bambino. Il punto è che a casa avremo comunque saturimetro. Come si fa a stare tranquilli con una saturazione così bassa? E possibile gestire una situazione del genere? Siamo tenuti ad accettare le dimissioni con ossigeno o possiamo eventualmente rifiutarci? Abbiamo richiesto un trasferimento in un altro ospedale e ci è stato negato per rischio di infezioni. In realtà, noi da genitori non vediamo l’ora di portarlo a casa, ma
vorremmo farlo in sicurezza. Magari quando avrà bisogno di percentuali più bassi di ossigeno e con saturazione più stabile.
La ringrazio in anticipo per l’attenzione.
Claudio Migliori
Claudio Migliori

Gentilissima Signora,
inizierei dalla fine: sebbene nessuno possa obbligarvi a portare a casa un neonato ancora in ossigenoterapia, è ovvio che la durata del ricovero non possa essere protratta indefinitamente, soprattutto per la necessità di stimoli e attenzioni che un neonato, sebbene pretermine, necessita ai fini del suo corretto sviluppo neurologico e comportamentale. L’ospedale, per quanto efficiente, non è l’ambiente ottimale per lo sviluppo di un minore e non si può mai sostituire alla famiglia. Inoltre, come ho già scritto per un caso analogo, la mia esperienza personale mi fa ritenere che i neonati, dopo la dimissione, migliorano più molto rapidamente rispetto a quanto osservato nel corso del ricovero. In ambito più “tecnico” le posso dire che i livelli di saturimetria da lei riportati sono effettivamente ai limiti della norma, ma mi permetto anche di precisare che il valore assoluto letto dal saturimetro non descrive la reale quota di O2 trasportata, in quanto risente del valore di emoglobina circolante e del grado di perfusione cutanea. Per fare un esempio potrei dirle che un soggetto molto anemico, anche con una sat.O2 del 100% porterebbe ai propri tessuti ben poco ossigeno. Mentre un soggetto con elevata emoglobina circolante ma con un circolo periferico (= perfusione) scadente, può avere una sat.O2 relativamente bassa pur veicolando molto ossigeno da rilasciare ai tessuti.
E per tali ragioni che la dimissione di un soggetto con le caratteristiche del suo bambino deve essere sempre completamente concordata con la famiglia, prevedendo un “canale comunicativo preferenziale” tra ospedale e domicilio, potendo, quindi, contare, in caso di dubbi o necessità, sul personale qualificato disponibile a gestire l’evento.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti