Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

Professoressa Annamaria Staiano A cura di Professoressa Annamaria Staiano Pubblicato il 31/08/2022 Aggiornato il 19/09/2022

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago, destinata a risolversi senza conseguenze con il passsare del tempo.

Una domanda di: Laura
Sono una mamma di un neonato di un mese e qualche giorno, il quale soffre di reflusso. La pediatra mi ha consigliato un farmaco da banco per calmare le crisi di pianto date dall’acidità che il bambino probabilmente percepisce ad ogni pasto. Premetto che adotto un allattamento misto. Quello che noto è che mio figlio rigurgita (a volte anche “a proiettile”) molto più il mio latte che, paradossalmente, quello artificiale. È una cosa possibile? Ovviamente non bevo e non fumo e non uso caffeina, ma mi chiedo se forse io possa modificare qualche comportamento per evitare questi episodi. Dopo ogni pasto cerco di tenerlo sempre in posizione verticale per almeno 15/20 minuti. Con l’artificiale ho sempre il riscontro del ruttino, mentre con il mio latte no e questo porta a questi episodi, alcuni blandi, altri come detto con dei getti a cascata. Grazie mille.
Annamaria Staiano
Annamaria Staiano

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gentile Signora, il rigurgito è un evento estremamente frequente nei neonati e lattanti ed è, nella maggior parte dei casi, legato ad una immaturità dei meccanismi che impediscono la risalita del materiale gastrico verso l’esofago. Si tratta, pertanto, di un evento benigno e non patologico. Il fatto che suo figlio tenda a rigurgitare più frequentemente il latte materno piuttosto che quello in formula è inusuale, in quanto il latte materno è naturalmente più digeribile rispetto al latte formulato e rappresenta l’alimento ideale per la nutrizione di tutti i neonati e lattanti. In generale, per la mamma che allatta è buona norma evitare l’alcol, il fumo e la caffeina, oltre che limitare l’assunzione di the, cioccolato e spezie. Ma lei questo lo sta già facendo. Tuttavia, l’accorgimento più utile è quello di frazionare i pasti, che dovrebbero essere piccoli e frequenti, compatibilmente con il mantenimento di un allattamento materno “a richiesta”. Infine, è opportuno che valuti con il suo pediatra la crescita del piccolo. Infatti, se la crescita di peso si mantiene regolare e non sono presenti altri segni di allarme (es. tracce di sangue nel rigurgito/vomito, vomito a getto frequente, rifiuto dell’alimentazione, episodi di apnea) non è necessario fare altro. Il sintomo si risolverà spontaneamente con la crescita del piccolo. Cordiali saluti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti