Piccolissimo con scissura interemisferica lievemente aumentata

Dottor Carlo Efisio Marras A cura di Dottor Carlo Efisio Marras Pubblicato il 29/04/2024 Aggiornato il 29/04/2024

La scissura interemisferica è il solco del cervello che divide l'emisfero destro dall'emisfero sinistro: se la sua misura non interferisce sul flusso ematico cerebrale e la circonferenza cranica ha dimensioni nella norma non c'è ragione di preoccuparsi.

Una domanda di: Eleonora
hHo un bimbo di un mese e mezzo ricoverato a Lecce il giornodopo il parto per un distress respiratorio. L’hanno tenuto sotto ossigeno solo 48
ore poi passato in culletta…dopo una settimana ha fatto la prima econcefalogramma, tutto ok, solo che gli hanno trovato una piccola cisti…dopo 45 giorni hanno
rifatto l’eco e la cisti si è leggermente ridotta, ma hanno trovato la scissura interemisferica lievemente aumentata (max 60), ma mi hanno detto di
stare tranquilla, però leggendo su internet non ne vengo a capo. Vorrei sapere se crea danni o è in pericolo di vita o cosa comporta questo spazio? Grazie
infinite.
Carlo Efisio Marras
Carlo Efisio Marras

Gentile Federica,
la nascita di un piccolo è sempre accolta con gioia, tante aspettative e sogni covati durante il meraviglioso momento della gravidanza.
Quando si manifesta un problema, anche piccolo, tutto può trasformarsi in modo inatteso; la preoccupazione dilaga e si diventa fragili. Qualsiasi notizia viene appresa con diffidenza: si pensa al peggio.
Il vostro bambino ha avuto un distress respiratorio che per fortuna si è risolto favorevolmente in breve tempo. Gli accertamenti EEG hanno documentato un’attività cerebrale normale e l’ecografia dell’encefalo, sempre eseguita in queste circostanze, ha documentato una piccola cisti che al controllo fatto dopo poche settimane risulta ancora più piccola.
Il valore delle dimensioni (spessore) della scissura interemisferica non è affatto preoccupante; la misura registrata infatti si associa ad un normale flusso ematico cerebrale (documentato dal cosiddetto Indice di resistenza: IR) e le dimensioni della circonferenza cranica rientrano nel 50° centile.
Immagino che queste osservazioni coincidano con quanto avete ora condiviso con il vostro pediatra e con gli specialisti che hanno seguito finora il vostro bambino.
In questi casi il percorso da seguire prevede il controllo periodico (ogni 3-4 settimane) della circonferenza cranica. Insieme agli altri parametri biometrici (peso e lunghezza) abbiamo la possibilità di definire la crescita (armonica) del bambino.
Il vostro pediatra valuterà lo sviluppo neuromotorio e constaterà l’aspetto e dimensioni della fontanella. In base a questi reperti stabilirà la data del prossimo controllo ecografico dell’encefalo che attualmente risulta normale.
Un caro saluto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti