Piega interglutea ancora presente: può essere spina bifida?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 14/09/2020 Aggiornato il 14/09/2020

La piega interglutea è il solco che tutti hanno tra le natiche: non esprime dunque la presenza di un problema.

Una domanda di: Paola
Il mio bambino di 18 mesi ha la piega interglutea ancora presente. Le ecografie effettuate ora e anche alla nascita non hanno evidenziato nulla. Nessun medico né premario ravvede la necessità di effettuare indagini più approfondite, come una risonanza. Per loro è solo un fatto estetico. Posso stare tranquilla che non si tratti di una spina bifida occulta?

Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora,
la spina bifica si può rilevare già durante le vita intrauterina, attraverso le ecografia. Dopodiché alla nascita i neonati vengono visitati accuratamente per valutare se a livello della piega interglutea ci sono segni che potrebbero esprimere la presenza della malformazione. Premesso tutto questo, lei parla della piega interglutea, che è il solco che divide le natiche e che tutti abbiamo. Non è dunque chiaro che cosa lei veda nel bambino che non va. Non mi riferisce se cammina, comunque sia escludo che i miei colleghi l’abbiano rassicurata in modo così deciso, escludendo l’opportunità di effettuare una risonanza magnetica nucleare, se non fossero più che sicuri del fatto che non c’è assolutamente nulla di cui preoccuparsi. Da parte mia, posso solo dirle che in casi dubbi (ma non mi sembra sia questo) per potersi esprimere occorre necessariamente visitare il bambino. Sulla base di quanto mi ha riferito circa il parere dei miei colleghi, mi sento di dirle di stare tranquilla, salvo il caso in cui il bambino non cammini ancora. Un altro segno sospetto è rappresentato dal mancato controllo degli sfinteri dopo i tre anni di età. Ma per il momento questo non si può appurare, data l’età di suo figlio. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti