Pielectasia renale evidenziata dall’ecografia

Dottoressa Patrizia Mattei A cura di Dottoressa Patrizia Mattei Pubblicato il 12/10/2023 Aggiornato il 12/10/2023

La dilatazione delle pelvi renali del feto scoperta con l'ecografia può essere il segnale di un'alterazione cromosomica (in particolare, di trisomia 21) ma può anche non essere significativa. Tutto dipende dalla sua entità, dalla presenza o meno di altre anomalie, e da come evolve nel corso della gravidanza.

Una domanda di: Gennaro
Ieri mia moglie, ha effettuato la consueta visita che si effettua alla 19esima settimana, ossia la morfologica.
Al bimbo hanno riscontrato una lieve pielectasia renale bilaterale, affermando che a volte (in casi rari) è presente in bambini con malattie cromosomiche. Stamane abbiamo effettuato subito le analisi del sangue per vedere il DNA ecc ecc. Mia moglie ha 35 anni, la possibilità della malattia cromosomica è reale veramente?
Patrizia Mattei
Patrizia Mattei

Buongiorno signore, la pielectasia è considerata un soft marker di cromosomopatia cioè aumenta un po’ il rischio che ci sia un patologia cromosomica, in particolare la trisomia 21, ma se si tratta di un reperto isolato, ovvero non ci sono altre anomalie ecografiche, e non ci sono particolari fattori di rischio la possibilità è veramente bassa. Si tratta di un riscontro che può essere presente anche in un feto normale, può essere transitorio o può significare una malformazione delle vie urinarie. Tutto dipende dall’entità della dilatazione e dall’evoluzione della stessa. Farà senz’altro altri controlli successivi che di certo le hanno indicato.
Le faccio tanti auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cardirene: le donne incinte di 40 anni devono per forza assumerlo?

21/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che le ragioni di una prescrizione vanno richieste al medico che l'ha effettuata, è senz'altro possibile che in caso di gravidanza in età avanzata, anche senza particolari fattori di rischio, venga indicato l'uso dell'aspirinetta (il Cardirene) per giocare d'anticipo sull'eventuale comparsa di...  »

Lavoro tanto di giorno: di notte è bene che le mie bimbe dormano con me?

15/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Se un bimbo si è già abituato a dormire nella sua cameretta, non è opportuno privarlo di questa importante conquista per averlo accanto nel lettone. Meglio puntare sulla qualità del tempo, anche se poco, che si trascorre insieme, dedicandosi a lui amorevolmente e gioiosamente ogni volta che si può. Basterà...  »

Sulla trasmissione del gruppo sanguigno

13/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Secondo le leggi che regolano la trasmissione dei gruppo ABO, ogni soggetto eredita sia dalla madre sia dal padre un solo fattore a testa, quindi da una madre AB e da un padre 0 non possono nascere figli di gruppo AB, ma solo di gruppo A0 o B0. Nel tesserno verrà però indicata solo la A o solo la B.  »

Grosso dispiacere in gravidanza: il bimbo ne può risentire?

10/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che il feto sia protetto dalle emozioni negative che può provare la donna in gravidanza e questo vale anche quando il dispiacere è così grande da determinare addirittura qualche manifestazione fisica, come il mal di pancia.   »

Incinta a 35 anni: quali indagini è opportuno fare?

08/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

A prescindere dall'età materna al momento del concepimento, è opportuno che tutte le donne nel primo trimestre di gravidanza effettuino il test combinato o perlomeno la misurazione della TN (translucenza nucale), che rappresentano il metodo universale e raccomandato di screening delle anomalie fetali....  »

Fai la tua domanda agli specialisti