Pillola contraccettiva: le cose basilari da sapere

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 07/10/2022 Aggiornato il 07/10/2022

L'assunzione della pillola blocca l'attività ovarica e, quindi, impedisce l'ovulazione. Di conseguenza, mentre si impiega, nell'arco del mese non ci sono giorni fertili.

Una domanda di: Maria
Il 25 agosto ho avuto un rapporto a rischio, non ero in periodo fertile e prendevo regolarmente la pillola anticoncezionale, 3 giorni dopo mi sono venute le mestruazioni, e a settembre ancora regolari, siccome ho iniziato ad avere un po’ di nausea e crampi ho voluto fare un test di gravidanza risultato negativo, per la curiosità l’ho riguardato 4 ore dopo e c’era una linea flebile che prima non c’era, ne ho fatto un altro appena dopo negativo, mi hanno detto che quella linea dovrebbe essere di evaporazione. Per star più tranquilla preferivo fare un ultimo test tra due giorni di prima mattina, uno di quelli digitali così non sono in dubbio sul risultato, però la mia domanda era, essendo che io ho avuto le mestruazioni sempre regolari e quindi ora dovrei essere nel periodo dell’ovulazione, questo potrebbe alterare l’esito del test? E secondo voi devo stare abbastanza tranquilla rispetto alla negatività o potrei essere incinta?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, mi permetta di dirle che la sua email mi ha alquanto stupito in quanto esprime il fatto che lei sta assumendo il contraccettivo orale (pillola) senza avere un’idea di come funziona. Lei ritiene di essere nel periodo dell’ovulazione, ma la pillola per sua caratteristica blocca l’attività delle ovaie e quindi impedisce l’ovulazione. Il su meccanismo d’azione è questo: mentre si assume non c’è ovulazione, mentre si assume non c’è periodo fertile nell’arco del mese. Lei riferisce di avere avuto un rapporto a rischio sottolineando che però non era nel periodo fertile: ribadisco che durante l’assunzione della pillola non ci sono periodi fertili. Non ci possono essere, di conseguenza, neppure rapporti a rischio! La pillola si prende proprio per poter avere rapporti sessuali liberi senza iniziare gravidanze indesiderate. Non capisco dunque la ragione per la quale ha fatto il test di gravidanza, che ovviamente era negativo (se non c’è ovulazione non si può concepire) né tanto meno perché ha riguardato lo stick dopo 4 ore. Non capisco perché le venga il dubbio che il risultato del test possa essere alterato da un’eventuale ovulazione, visto che se ci fosse l’ovulazione (che non ci può essere) non ci sarebbe automaticamente una gravidanza avviata. Come chiaramente indicato nel foglietto di accompagnamento del kit per fare il test di gravidanza, dopo un certo lasso di tempo, quanto appare nella finestrella dello stick non ha alcun valore. Può dunque escludere di essere incinta e può anche iniziare a vivere l’intimità sessuale con più serenità e senza imporsi particolari restrizioni, visto che la pillola, se viene assunta correttamente, senza dimenticanze, ha un’efficacia contraccettiva quasi totale. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti