Pillola del giorno durante l’allattamento: si può?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 01/10/2019 Aggiornato il 01/10/2019

Assumere il contraccettivo d'emergenza a due settimane dal parto non ha alcun senso in quanto le probabilità che inizi una gravidanza sono pressoché nulle.

Una domanda di: Asia
Buongiorno, il bimbo ha 2 settimane di vita e io lo allatto. Posso prendere la pillola del giorno dopo? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, la pillola del giorno dopo è in teoria compatibile con l’allattamento al seno.
Siccome però il suo bimbo ha sole due settimane di vita, mi permetto di osservare che ha poco senso dal punto di vista medico che lei la assuma.
Le spiego il motivo.
Immagino le lochiazioni (ossia le perdite di sangue prima e siero poi che si verificano dopo il parto e permettono all’utero di ripulirsi completamente) siano ancora in corso o al massimo appena terminate.
Questo implica che, per fortuna!, il suo utero non è ancora pronto ad accogliere un nuovo bambino in quanto non ha il rivestimento che gli permetterebbe di annidarsi al suo interno (si chiama endometrio), senza contare che le sue ovaie con tutta probabilità saranno ancora a riposo per effetto della prolattina, l’ormone che sostiene l’allattamento.
Il mio consiglio è quindi quello di non fare nulla, eccetto programmare la visita di controllo post partum (di solito la si effettua tra 40 e 60 giorni dopo la nascita) dove discutere a fondo delle possibilità per rinviare il concepimento in allattamento.
Spero di averla aiutata, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti