Pillola dimenticata: che fare?

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 23/02/2021 Aggiornato il 23/02/2021

E' prudente, se ci si dimentica una delle pillole della prima settimana, assumere il contraccettivo di emergenza.

Una domanda di: Michela
Salve dottoressa, ho 19 anni. Sabato ho avuto un rapporto con il mio ragazzo, con cui sto assieme da ormai un anno. Inizialmente nel rapporto abbiamo usato il profilattico, ma standogli scomodo abbiamo deciso assieme di toglierselo e di continuare senza. Premetto che io prendo la pillola contraccettiva da 4 mesi, ma abbiamo sempre fatto anche con il preservativo per maggiore sicurezza e per questa paura costante di poter rimanere incinta. Voglio precisare inoltre che non c’è stata alcuna eiaculazione interna, ma esterna (in poche parole è venuto fuori).
Oggi che è martedi, mi sono accorta di non aver preso la pillola del giorno prima, quindi di lunedì. Appena me ne sono ricordata l’ho subito presa però erano già le 12 ore.
Quindi dal momento del rapporto, quindi sabato, al momento in cui mi sono dimenticata di prendere la pillola, quindi ieri, sono passati due giorni. Potrei rimanere incinta? Aspetto un riscontro.
Cordiali saluti.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Michela,
che numero di pillola era? Se era la prima settimana meglio prendere Norlevo, il contraccettivo di emergenza. E per il resto del mese è opportuno usare il profilattico. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti