Pillola dimenticata in allattamento

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 22/01/2021 Aggiornato il 22/01/2021

Se la pillola dimenticata è stata assunta entro 12 ore dall'orario abituale si può far conto comunque sul suo effetto contraccettivo.

Una domanda di: Izmira
Salve. Ho dimenticato là pillola azalea che prendo sempre alle ore 8. Poi all’una ho avuto un rapporto non protetto e in questo momento mi sono ricordata e l’ho preso subito. Può essere la possibilità di una gravidanza? La pillola di emergenza lo posso prendere, al momento allatto al seno il mio bimbo di 6 mesi. Grazie.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile signora,
premetto che la pillola dovrebbe essere presa sempre alla stessa ora, per garantire una copertura continua all’organismo e per trasformare l’assunzione in un gesto automatico e quindi limitare al massimo il rischio di dimenticanze. Detto questo, se dopo la dimenticanza l’assunzione avviene entro le 12 ore dall’ora solita, l’efficacia contraccettiva della pillola rimane garantita. Oltre le 12 ore invece non ci si può più fidare del metodo per tutta la durata del mese. La pillola va comunque presa fino al termine della confezione. Il mese successivo tutto ritorna nella norma. Non ho ben compreso se la pillola dimenticata lei l’abbia assunta entro le 12 ore dalle 8 del mattino che sono il suo orario abituale di assunzione. Nel caso fosse così può stare tranquilla. Per quanto riguarda il contraccettivo di emergenza, se si assume occorre sospendere l’allattamento per una settimana, durante la quale si deve tirare il latte (e poi gettarlo) per poter mantenere in attività la ghiandola mammaria. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti