Pillola dimenticata (ma per poco)

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 01/11/2022 Aggiornato il 01/11/2022

La pillola andrebbe presa rispettando un intervallo di massimo 12 ore tra una compressa e l'altra. Se si va oltre questo lasso di tempo l'efficacia contraccettiva non è più assicurata. O, almeno, non del tutto.

Una domanda di: Claudia
Prendo la pillola Loette da 5 anni e giovedì 27 ottobre (prima settimana di blister) ho dimenticato di assumerla. L’ho presa poco dopo le 12. Il problema è che ho avuto rapporti non protetti nei giorni successivi. Oggi lunedì 31 ho preso la pillola EllaOne. C’è la possibilità che io possa essere incinta?
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Claudia, prima di tutto in questi casi sarebbe meglio prendere Norlevo anziché EllaOne. Poi bisognerebbe proteggere i rapporti per sette giorni dopo la dimenticanza, comunque, quindi bisognerebbe usare il profilattico. Posto questo le 12 ore, che sono l’intervallo massimo di tempo da rispettare tra una pillola e l’altra per assicurarsi la sua efficacia contraccettiva, erano passate da poco, e la pillola insomma è molto molto protettiva. Io farei comunque un test alla fine della scatola ma anche all’inizio della successiva, ma nel complesso direi che sarà negativo e che quindi non ha ragione di preoccuparsi più di tanto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti