Pillola e rischio di trombosi

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 08/07/2020 Aggiornato il 08/07/2020

Il contraccettivo ormonale accelera lievemente la coagulazione del sangue, per cui è un fattore di rischio nei confronti della trombosi quando sussistono altre condizioni che la favoriscono.

Una domanda di: Valentina
Avrei bisogno di un parere: ho dovuto interrompere immediatamente il blister della pillola contraccettiva a metà per un forte dolore al polpaccio. Ora sento un forte pungiglione che non mi fa camminare… Farò a breve un ecodoppler: la pillola può portare alla trombosi? Usavo Estinette e soffro di pressione alta e ipercolesterolemia.
Quindi penso due fattori di rischio rischiosi per la pillola.
Avendo interrotto la pillola avrò qualche problema con la mestruazione? E l’ovulazione si manifesterà a breve o no?
Grazie arrivederci.
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Valentina, la pillola con estrogeni accelera lievemente la coagulazione del sangue, e, unito ad altri fattori di rischio, questo ha un effetto favorente la trombosi venosa profonda. Le donne affette da ipertensione non controllata da farmaci non dovrebbero assumerla.
In genere in questi casi si prescrive una pillola con solo progestinico, se, comprensibilmente, non si vuole rinunciare alla contraccezione ormonale, opzione che va valutata con il medico, essendo presenti anche ottimi sistemi non ormonali come la spirale non medicata. Per quello che riguarda il futuro….è futuro, e non possiamo sapere come andranno le sue mestruazioni alla sospensione. La maggior parte delle donne comunque ha il ripristino del ritmo precedente all’assunzione nel giro di pochi mesi. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti