Pillola e sanguinamento da sospensione: come spostarlo?

A cura di Franca Fruzzetti Pubblicato il 02/11/2023 Aggiornato il 02/11/2023

Esiste la possibilità di pilotare il sanguinamento che si verifica nell'intervallo tra una confezione e l'altra di pillola contraccettiva: è basato sull'assunzione di un numero di compresse diverso dal consueto.

Una domanda di: Martina
Volevo chiedere un parere in merito alla pillola Effiprev che assumo da luglio: il mese scorso (3° blister) ho dovuto assumere 22 pillole in 22 giorni per evitare che il ciclo mi arrivasse proprio il giorno di una gara sportiva.. Poi ho effettuato una pausa di 6 giorni in modo tale da iniziare sempre lo stesso giorno un nuovo blister.
Lunedì 23 ottobre ho terminato il quarto blister ma già dal giorno dopo (martedi 22° giorno) ho iniziato ad avere perdite rosate, con dolori premestruali forti.. Che si sono avviate poi in ciclo oggi (Di solito mi vengono al 24°/25° gg. Quindi sono giuste). I dolori forti al basso ventre e le perdite rosate a cosa sono dovute? Gli altri blister non mi avevano dato più di tanto problemi. Inoltre guardando i vari impegni avrei la necessità di anticipare di una settimana il ciclo, o comunque farlo venire sempre di martedì e mercoledì ( di solito mi viene 2 giorni dopo le pillole attive). Cosa mi consiglia di fare? Attaccare due blister o posso anticipare la pausa a 5 gg così da farmele venire sempre di martedi e mercoledì? In attesa di un cortese riscontro ringrazio e porgo cordiali saluti.
Franca Fruzzetti
Franca Fruzzetti

Gentile Martina,
la mestruazione durante assunzione diella pillola non è assolutamente detto che venga sempre lo stesso giorno.
Quindi quello che le è accaduto non è nulla di strano o preoccupante. Per quanto riguarda spostare la data della mestruazione può prolungare l’assunzione e interromperla in base a quando vorrebbe la mestruazione, oppure saltarla completamente optando per una assunzione continua.
Se decide invece di interrompere prima la pillola per anticipare la mestruazione si ricordi si usare il profilattivo perchè cosi facendo potrebbe perdere l’effetto contraccettivo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti