Pillola iniziata in ritardo: che fare dei primi confetti non assunti?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 08/02/2021 Aggiornato il 08/02/2021

E' opportuno prendere tutte le pillole che non si sono assunte nei giorni in cui dovrebbe invece esserci la pausa. Dopodiché si deve ricominciare il nuovo blister.

Una domanda di: So
Salve,
ho iniziato il blister in ritardo di 5 giorni (dal 24 ho rimandato al 29).
Vorrei avere un’informazione.
Le pillole dimenticate dal 24 al 29 vanno recuperate alla fine o vanno “buttate”? Oggi dovrebbe essere il giorno che avrei dovuto finire tutto il blister ma mi mancano quelle pillole iniziali.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, è opportuno assumere tutte le pillole eventualmente dimenticate e, in questa eventualità, di non fare la pausa tra un blister e l’altro ma di iniziare subito il
nuovo blister, facendo poi la pausa dopo il secondo blister, per evitare sanguinamenti anomali e per avere una maggiore copertura contraccettiva.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti