Pillola: l’Augmentin ne diminuisce l’efficacia contraccettiva?

A cura di Professor Massimo Candiani Pubblicato il 02/04/2024 Aggiornato il 02/04/2024

Gli studi di cui disponiamo oggi non hanno evidenziato la possibilità che i principi attivi contenuti nell'antibiotico Augmentin, se assunti in concomitanza del contraccettivo orale, diminuiscano l'azione anticoncezionale della pillola.

Una domanda di: Francesca
Ho18 anni e per un problema al dente ho dovuto assumere Augmentin due volte al giorno per 6 giorni e prendo la pillola anticoncezionale Novadien da settembre. Non ero a conoscenza del fatto che alcuni ritenessero che influisse e ho avuto un rapporto non protetto venerdì e ho iniziato l’antibiotico giovedì sera (ero alla 19^ pillola su 21). Non ho fatto la pausa dei 7 giorni e ho iniziato subito un nuovo blister. Qualche giorno dopo ho avuto episodi di diarrea che erano dovuti all’antibiotico e ora temo che la pillola non sia stata assorbita correttamente. Lei che ne pensa? Sto iniziando ad avere mille ansie e paranoie. La ringrazio se vorrà rispondere.

Massimo Candiani
Massimo Candiani

Gentile Francesca,
non è mai stata dimostrata un’interazione tra l’amoxicillina+acido clavulanico (Augmentin) e il contraccettivo orale estroprogestinico. Tuttavia, in via del tutto teorica, l’antibiotico, poiché può alterare il microbiota intestinale (l’insieme di microorganismi che abitano nel nostro intestino), potrebbe (potrebbe!) ridurre l’assorbimento dei principi attivi
contenuti nella pillola. Posto questo, gli studi di cui disponiamo a tutt’oggi non hanno evidenziato una diminuzione dell’efficacia del contraccettivo orale quando viene assunto in concomitanza con l’antibiotico amoxicillina+acido clavulanico. Le probabilità che lei sia incinta per via dell’assunzione dell’Augmentin sono dunque davvero minime. Il problema è però in quanto accaduto dopo. Come sta scritto nei foglietti di accompagnamento del contraccettivo orale, in caso di vomito o di diarrea grave nelle 3-4 ore
successive all’assunzione è possibile che gli estroprogestinici non vengano completamente assorbiti dall’organismo. Questa situazione è simile alla dimenticanza di una compressa. Dopo il vomito o la diarrea, si deve dunque assumere non appena possibile un’altra compressa da un blister di riserva. Se possibile bisognerebbe assumerla entro 12 ore da quando prende normalmente la sua pillola. Se ciò non fosse possibile o se fossero già trascorse 12 ore, per i primi sette giorni successive si deve usare il
profilattico perché la copertura contraccettiva non è più garantita. Se si sono avuti rapporti nella settimana precedente la dimenticanza o l’episodio
di diarrea, c’è la possibilità di una gravidanza.
L’unico modo per escludere di aver avviato una gravidanza consiste nell’effettuare il test, che potrà fare quando finirà il blister, cioè dal
primo giorno dell’intervallo libero.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti