Pillola progestinica prescritta contro l’emicrania che provoca sanguinamento

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 01/05/2023 Aggiornato il 08/08/2023

Per stabilire con sicurezza l'orgine di un'emicrania, prima di assumere prodotti a base di ormoni, è opportuno consultare un neurologo, con l'aiuto del quale diventa possibile capire da cosa origina il disturbo e agire di conseguenza per quanto riguarda la cura.

Una domanda di: Monica
Ho 46 anni assumo la pillola progestinica a causa delle lunghe emicranie che ormai perduravano anche15 giorni al mese. Con slinda ho risolto il problema ma purtroppo pur assumendolo in maniera continuativa (senza le verdi) ho continuo ciclo/Spotting. Sotto consiglio del ginecologo assumo Primolut nor e riesco a non avere ciclo continuo, ma basta che non lo assuma per un giorno ecco che mi tornano le mestruazioni con tutti i sintomi (fame gonfiore ecc) e i dolori, forti contrazioni, dolore alle gambe e ai reni da così forti da rendere necessario ricorrere all’ibuprofene. Ho provato diverse pillole – Cerazette, klaira, anche Lusine (con estrogeno), ma nulla il sanguinamento continua. Chiedo un parere: c’è un altra pillola da poter provare che mi tenga a bada le emicranie e riesca a bloccarmi il sanguinamento? (Sono pure anemica). Che pillole hanno miglior risposta sull’endometrio? Senza crearmi ritenzione come mi successe con Zoely ad esempio? (Buona sulle emicranie ma anche in quel caso avevo Spotting/mestruazione). Un’altra domanda: posso assumere il Primolut costantemente? Ringrazio infinitamente. Cordiali saluti.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Monica, nel rispetto delle opinioni che ha avuto e degli sforzi terapeutici con diversi prodotti ormonali il mio parere è che la sua emicrania non ha base ormonale ed è per questo che non vi sono stati risultati postivi con un trattamento ormonale. Necessita di una ecografia che documenti la situazione endometriale, se è ritenuto utile un’isteroscopia con biopsia endometriale e una valutazione del suo profilo ormonale in assenza di farmaci che lo modificano e lo rendono di difficile interpretazione. È un neurologo che deve aiutarla per il problema emicranico, a questo poi seguiranno le cure ginecologiche che i curanti riterranno opportuni in considerazione degli accertamenti che le ho indicato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti