Placenta anteriore a inserzione bassa

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 05/10/2020 Aggiornato il 05/10/2020

E' possibile che una placenta bassa si riposioni in modo corretto, grazie al progressivo allungamento dell'utero.

Una domanda di: Vincenza
Gentile dottore,
durante l’ecografia morfologica mi è stata diagnosticata la “placenta anteriore ad inserzione bassa che ricoprire oui”, per cui centrale. Ho possibilità in qualche modo che la stessa risalga per avere un parto vaginale?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora,
la placenta rappresenta il punto in cui si è impiantata la gravidanza dopo che l’uovo è stato fecondato.
La localizzazione può essere variabile in ogni gravidanza e quindi possono verificarsi placente a localizzazione anteriore, posteriore, fundica, laterale nonché è possibile trovarsi con una placenta che giunge in prossimità dell’orifizio uterino interno o che addirittura lo ricopre.
Spesso l’evoluzione di quest’ultimo caso (placenta con il margine in prossimità dell’orifizio uterino interno) grazie al progressivo aumento di volume dell’utero è favorevole, cioè il margine della placenta si sposta, trascinato dall’allungamento della parete uterina.
Nei casi in cui il disco placentare ricopra completamente l’orifizio interno purtroppo questa possibilità non si verifica.
In questa eventualità, il rischio di complicanze aumenta in maniera significativa.
Sono possibili infatti distacchi della placenta con conseguenze anche gravi per il feto e talvolta anche per la madre.
Quindi in tali casi è ausplicabile un ricovero precoce (generalmente dopo 32/34 settimane) per valutare il timing del parto che dovrà essere con taglio cesareo, in un’epoca gestazionale relativamente sicura. Le auguro che tutto vada per il meglio. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti